Sabato, 21 Settembre, 2019

Arance della Salute, dalla parte della ricerca italiana

Arance della Salute, dalla parte della ricerca italiana Arance della Salute, dalla parte della ricerca italiana
Machelli Zaccheo | 27 Gennaio, 2017, 21:22

Sabato 28 gennaio in oltre 2500 piazze italiane i volontari dell'Airc distribuiranno le 'Arance della salute', simbolo dell'alimentazione sana e protettiva grazie alle sue proprietà.

Con l'iniziativa che punta a raccogliere fondi i volontari per aumentare la ricerca sul cancro.

Come ha evidenziato Federico Caligaris Cappio, direttore scientifico AIRC: Le risorse appena stanziate da AIRC e FIRC danno ai ricercatori italiani nuove armi per la lotta contro il cancro. Sta per 0 sigarette, 5 porzioni di frutta e verdura, 30 minuti di attività fisica. I dati confermano l'eccellenza della ricerca italiana che è al vertice in Europa per numero di guarigioni: la sopravvivenza a 5 anni è infatti migliorata sia per gli uomini (55%) che per le donne (63%) negli ultimi 5 anni. Innanzitutto, durante la distribuzione delle arance, potrete richiedere ai volontari una guida con ottime informazioni per la selezione dei cibi da portare in tavola, e per una lettura consapevole delle etichette alimentari. La battaglia contro il cancro passa dai progressi della ricerca oncologica ma anche dall'adozione di stili di vita adeguati: secondo l'American Institute for Cancer Research tre tumori su dieci sono prevenibili con una sana alimentazione. È altrettanto importante l'esercizio fisico regolare che, come dimostrato da numerose ricerche, diminuisce del 20-40% il rischio di tumore al colon, all'endometrio e del polmone, oltre a contribuire alla prevenzione del cancro al seno.

Ci sarà anche un ricettario con alimenti a base di arance, realizzato dallo chef Sergio Barzetti in collaborazione con La Cucina Italiana. Attraverso il lavoro degli insegnanti di ogni ordine e grado, "Cancro io ti boccio" - questo il motto scelto - è un'occasione per diffondere in classe le conoscenze sugli stili di vita salutari e il significato della ricerca scientifica, anche grazie al materiale didattico distribuito ai ragazzi, offerto gratuitamente dall'associazione. Il cibo rimane uno dei fattori che mettono più a rischio la nostra salute, dopo il fumo e prima della sedentarietà. I protagonisti dellimmagine della campagna sono la campionessa Margherita Granbassi (nella doppia veste di volontaria ed ambasciatrice dellAssociazione) e Benedetto Grimaldi (scienziato della Fondazione Istituto Italiano di Tecnologia di Genova, in rappresentanza dei 5mila ricercatori Airc).

Altre Notizie