Giovedi, 01 Ottobre, 2020

Hotel Rigopiano: Stefano e la fidanzata sono vivi, si scava per salvarli

Hotel Rigopiano: Stefano e la fidanzata sono vivi, si scava per salvarli Hotel Rigopiano: Stefano e la fidanzata sono vivi, si scava per salvarli
Evangelisti Maggiorino | 23 Gennaio, 2017, 20:41

I Vigili del Fuoco, con la collaborazione di militari e volontari della zona, lavorano senza sosta per aprire un secondo varco all'esterno dell'Hotel Rigopiano: di seguito tutte le notizie ufficiali e l'ultimo aggiornamento sul numero delle vittime e dei dispersi registrato dalle autorità.

E intanto dalla mappa Geomorfologica dei bacini idrografici della Regione Abruzzo emerge che l'hotel Rigopiano fu costruito sopra colate e accumuli di detriti, compresi quelli generati da altre valanghe. Nella stessa giornata era emerso che una turbina della Provincia era fuori uso.

E mentre si allunga la lista delle persone estratte vive e dei morti, il nome di Stefano resta ancora iscritto nella lista dei 23 dispersi. Lo spessore è di 4 metri per circa 300.000 Mc e un peso di 400 kg per mc pari a 120.000 tonnellate al momento dell'impatto. Undici, in tutto, le persone sopravvisute, 6 le vittime con il sesto corpo di un uomo recuperato ieri. Ero seduto sul divano e i pilastri sono scivolati in avanti tagliandolo in due. "Siamo sopravvissuti mangiando neve", ha detto ai familiari. Io ho sempre sostenuto: se davvero hanno commesso questi abusi sul suolo pubblico, come hanno fatto? Ma non ci sono conferme. Poco distante sentivano anche le voci di un altro ragazzo e dei bambini, con i quali non è stato possibile comunicare.

L'INCHIESTA. Il procuratore aggiunto di Pescara, Cristina Tedeschini, e il sostituto Andrea Papalia hanno aperto un'inchiesta, al momento senza indagati, per i reati di omicidio plurimo colposo e disastro colposo. Tra i soccorritori, che continuano a lavorare in condizioni estreme e un elevatissimo rischio di nuove slavine ci sono anche i tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico arrivati da Genova e La Spezia. Al vaglio dei pm diversi faldoni che si ingrossano man mano con testimonianze, licenze edilizie dell'albergo, rilievi cartografici, fotografie dei luoghi, tabulati telefonici, piano neve e bollettini meteo.

Sfuggita alla tragedia dell' hotel Rigopiano per un caso e giusto in tempo, Francesca, estetista 24enne di Pescara, racconta su Repubblica di essere stata l'ultima cliente ad abbandonare il resort e di essere riuscita ad andare via il giorno prima della catastrofe.

Altre Notizie