Mercoledì, 19 Giugno, 2019

Cicciolina dopo anni rivela: "Non sono io con il cavallo"

Acerboni Ferdinando | 11 Gennaio, 2017, 23:57

A proprosito della scena con il cavallo, afferma che ne l film di Schicchi che ha interpretato negli anni '80 c'è una scena di sesso con un cavallo, ma lei non ha girato nessuna scena di sesso con l'animale.Afferma che la zoofilia non le è mai paiciuta, quindi Google deve sborsare ciò che le spetta.

"Nella pellicola io sto su un calesse e lì vicino si materializza una ragazza che finge di scambiarsi affettuosità indicibili con uno stallone in carne, nitrito, sesso smisurato e ossa..."

A fare sesso con il cavallo non era Cicciolina. Tutto quello che è accaduto dopo è uno schifo. Tramite il suo avvocato Luca Di Carlo ha diffidato Google affinché provveda a rimuovere dal web tutti i i video che la vedrebbero protagonista delle scene incriminate, ma anche ogni riferimento accostabile alle suddette scene.

Cicciolina, ospite di Domenica Live Cicciolina, nome d'arte di Ilona Staller, è stata una degli ospiti dell'ultima puntata del Maurizio Costanzo Show Cicciolina contro Virginia Raggi: "Fai la verginella ma..." È bastato questo scambio di identità per condannarmi alla dannazione virtuale eterna - ci dice ancora l'ex gloria dell'hardcore mondiale, oggi pittrice di talento e probabile star della nuova edizione dell'Isola dei Famosi -. È un incubo senza fine.

L'ex pornostar ha deciso di citare in giudizio Google per chiedere che vengano rimossi tutti i contenuti nei quali appare la bufala e intende chiedere un risarcimento record di 70 milioni di euro per "danno d'immagine".

Intanto, come riporta il magazine, la richiesta di risarcimento si aggira intorno ai 70 milioni di dollari, più altri 9 per le spese legali. Come ha sottolineato Luca Di Carlo, legale della Staller: "Ilona Staller è titolare del diritto di proprietà sul famoso personaggio di "Cicciolina" e su Google l'associazione di "Cicciolina" con "cavallo" ha determinato gravissimi pregiudizi, trattandosi di un suggerimento di ricerca del tutto infondato, diffamatorio e lesivo della sua reputazione personale e professionale".

Altre Notizie