Martedì, 26 Gennaio, 2021

Strappano bandiera: due turisti italiani arrestati in Thailandia

Chiudi

   Apri Chiudi Apri
Evangelisti Maggiorino | 11 Gennaio, 2017, 19:23

I turisti italiani stavano tornado nel loro alloggio di Krabi, sud della Thailandia e i due, che hanno confessato in pubblico di aver commesso l'atto quando erano veramente ubriachi, sono stati beccati dalle telecamere mentre strappavano 5 bandiere nazionali della Thailandia.

I ragazzi sono stati arrestati questa mattina, dopo che un thailandese aveva diffuso su Internet il video che ha consentito di identificarli, e che ha raccolto ormai 700 mila visualizzazioni.

Sono stati condannati oggi pomeriggio a una pena i cui termini saranno diffusi solo domani e restano in una cella della stazione di polizia di Krabi, per ora: l'iter di espulsione prevede la consegna dei due nei prossimi giorni alla polizia dell'immigrazione del paese, con successiva custodia nel centro di detenzione temporanea dell'immigrazione di Bangkok, prima di un rimpatrio che avverrà verosimilmente nel giro di alcune settimane. Lo ha riferito il senatore Svp Karl Zeller, che è in contatto con la Farnesina. "Voglio capire cosa posso fare per Ian" dice ancora la signora Gerstgrasser. A un certo punto uno si ferma e strappa una bandiera appesa al muro.

I due si sono giustificati dicendo che avevano bevuto un po' troppo e che si trattava dunque di una bravata da ebbrezza alcolica. Un gesto drammaticamente offensivo, a testimonianza di una società moderna che cade a rotoli evidenziando gesti inaccettabili (anche per legge) di questo tipo. Il giovane è molto conosciuto in paese, per la sua passione per il calcio ed anche per essere il componente di una band musicale. Subito dopo, l'altro italiano completa l'opera buttando a terra le altre quattro bandiere, con più rabbia, mentre il compagno ridacchia. Il video è stato poi postato su Facebook da Andake Saranath, permettendo alla polizia di rintracciarli e arrestarli. "Siamo molto dispiaciuti. Eravamo davvero ubriachi, amiamo i thailandesi e la loro cultura".

Secondo la legge locale, il vilipendio alla bandiera nazionale può essere punito con il carcere fino a due anni di carcere e una multa fino a 4mila Bath, poco più di 105 euro. Le scuse non gli hanno fatto comunque guadagnare il perdono della piazza online, almeno a leggere il fiume di insulti.

Altre Notizie