Giovedi, 06 Agosto, 2020

730 precompilato: riqualificazione, rettifica della data per le banche

Fisco Orlandi proroga al 9 febbraio sul 730 è già il massimo 730 precompilato: riqualificazione, rettifica della data per le banche
Esposti Saturniano | 28 Gennaio, 2016, 11:18

L'Agenzia delle Entrate, nei giorni scorsi, di concerto con il Ministero dell'Economia e delle Finanze, valutando le esigenze espresse dai soggetti tenuti alla trasmissione dei dati, tenendo in considerazione parimenti la necessità di garantire l'invio di informazioni il più possibile complete e corrette ai fini della predisposizione della dichiarazione precompilata, e visto che si tratta del primo anno in cui si prevede la trasmissione dei dati relativi alle spese sanitarie, ha deciso di rinviare al 9 febbraio 2016 la scadenza entro cui effettuare la trasmissione delle suddette spese riferite all'anno 2015.

Il Sistema Tessera Sanitaria, dal 10 marzo 2016, metterà a disposizione delle Entrate i dati sulle spese sanitarie e quelli riguardanti i rimborsi per cui non è stata esercitata l'opposizione da parte degli assistiti.

Spese sanitarie e 730 precompilato: dopo il ritardo nella trasmissione da parte delle farmacie per gli acquisti di medicinali, l'Agenzia delle entrate ha procrastinato al 9 febbraio il termine per comunicarle.

Le detrazioni per spese sanitarie che non saranno inserite direttamente dal Fisco, dunque, dovranno essere aggiunte dal contribuente, che pertanto dovrà modificare il 730 precompilato (perdendo così i benefici della dichiarazione precompilata accettata senza cambiamenti, ad esempio sul fronte dei controlli). Ciò significa che dal giorno successivo, il 10 febbraio, e fino al 9 marzo prossimo, ci si potrà collegare alla propria area sul sito del Sistema tessera sanitaria e consultare l'elenco delle proprie spese sanitarie.

L'opposizione all'utilizzo dei dati relativi alla spesa sanitaria comporta la cancellazione degli stessi e l'automatica esclusione anche dei relativi rimborsi.

Per il 2016 si può chiedere al servizio sanitario di non trasmettere i dati Per il 2016 l'assistito può chiedere direttamente a chi eroga il servizio sanitario (medico, odontoiatra, laboratorio di analisi) di non inviare affatto i dati. Riceverai una mail per confermare la tua registrazione al sito, che ti consentirà, in futuro, di modificare il tuo profilo, di gestire l'iscrizione alle newsletter e di consultare i contenuti del sito riservati agli utenti registrati.

Altre Notizie