Domenica, 08 Dicembre, 2019

Ashley Olsen, spariti gioielli a casa: Cheik Diaw ha rubato?

Da sinistra il sengalese fermato per omicidio e la vittima Ashley Olsen Da sinistra il sengalese fermato per omicidio e la vittima Ashley Olsen
Evangelisti Maggiorino | 26 Gennaio, 2016, 17:30

Ne uscì poi intorno alle 6 insieme a una persona riconosciuta dal buttafuori del locale in Cheik Diaw.

Sembravano non esserci più dubbi sull'identità dell'assassino di Ashely Olsen, trentacinquenne della Florida ritrovata cadavere nella sua abitazione di Firenze lo scorso 9 gennaio. Come ricostruito dalle Forze dell'ordine grazie ad una serie di immagini prese da alcune telecamere, i due si conoscono la sera dell'8 gennaio nel club Montecarla di Firenze, già noto alla Polizia per essere frequentato da pregiudicati e da soggetti usi al consumo di stupefacenti.

Il sopralluogo, durato poco più di mezz'ora, è stato effettuato per cercare oggetti che secondo alcuni testimoni, amici e familiari della 35enne, avrebbero dovuto essere presenti all'interno dell'appartamento ma che non sono stati trovati in occasione delle precedenti perquisizioni.

Il caso Ashley Olsen non è ancora definitivamente chiuso? Gli inquirenti sono convinti di aver catturato il loro uomo.

Un particolare sul quale lavora il pool difensivo dell'africano Cheik Diaw, unico indagato per l'omicidio della giovane americana.

Si attendono i risultati dell'autopsia sul corpo dell'americana uccisa a Firenze. Un altro particolare che emerge dai verbali della polizia scientifica è che gli indumenti, anche intimi, della donna sono sporchi di feci (e non si tratta di escrementi del cane pure rinvenuti in casa).

Nonostante la confessione di Cheik Diaw sembra che gli inquirenti abbiano ancora parecchio lavoro.

Altre Notizie