Sabato, 20 Luglio, 2019

#SVEGLIATITALIA, è ora di essere civili

Le sentinelle in piedi scendono in piazza in Trentino per difendere la famiglia #SVEGLIATITALIA, è ora di essere civili
Evangelisti Maggiorino | 26 Gennaio, 2016, 16:40

"Il nostro simbolo è un cuore con l'uguale, perché crediamo che ogni amore debba avere gli stessi diritti e gli stessi doveri. Per questo continueremo a lottare fino a quando non raggiungeremo la piena uguaglianza, vale a dire il matrimonio egualitario". Si tratta però solo di un primo passo, che ci vede ancora cittadini di serie B, su una strada che ha come meta finale l'assoluta equiparazione dei diritti. In occasione della mobilitazione nazionale #SvegliatiItalia, in programma in 87 città italiane e in sette ambasciate (Londra, Francoforte, Monaco, Berlino, Copenaghen, Dublino, Limerick), un cartello di associazioni e semplici cittadini si sono dati appuntamento alle 16.30 nella centralissima piazza Verdi, davanti al Teatro Massimo.

"Svegliati Italia", la manifestazione organizzata dalle sigle LGBT, si è svolta contemporaneamente in diverse città italiane, da Roma a Milano, passando per Napoli, Palermo e Sanremo.

L'Italia si confronta in piazza: da un lato i sostenitori del Family Day, dall'altro quelli dei diritti civili. L'approvazione del ddl Cirinnà non è scontata, il ddl divide al suo interno i cattolici dalla sinistra del partito democratico, non convince gli alleati del Pd e ha portato a più di 6000 emendamenti, correzioni e proposte di modifica al testo da parte delle opposizioni in parlamento (che potrebbero cadere se passasse l'emendamento Marcucci).

Grosseto: Agedo Toscana partecipa alla mobilitazione nazionale prevista per domani, sabato 23 Gennaio 2016 e sarà presente a Firenze in Piazza della Repubblica alle 15:00, a Grosseto in collaborazione con Arcigay Leonardo da Vinci, in Piazza San Francesco alle 17:00 e a Livorno in Piazza Attias alle 15:00. Lo slogan dei manifestanti partenopei è stato "Chi non salta Pirellone è" (poi dicono che chi la pensa diversamente è "un intollerante"...).

"Le manifestazioni di oggi sulle unioni civili travalicano di gran lungo il merito del tema: sono sbagliate proprio perche' vanno oltre, mettendo a repentaglio il valore del matrimonio e strumentalizzando un argomento delicato come quello delle adozioni".

Cos'è la stepchild adoption: un minuto per conoscerla Il Ddl Cirinnà sulle unioni civili prevede, nella sua prima formulazione, la stepchild adoption: la facoltà di poter adottare il figlio biologico del coniuge (in questo caso del compagno unito civilmente). Il presidente di Arcigay Flavio Romani ha dichiarato: "Faremo suonare in piazza le nostre sveglie per ricordare al Parlamento che il tempo di negare i diritti è finito e che devono fare una legge buona e in fretta".

Altre Notizie