Mercoledì, 17 Luglio, 2019

Schiavi dei cellulari, ecco la "sindrome da vibrazione fantasma"

Ecco cosa è la sindrome della vibrazione fantasma Web & Digital
Machelli Zaccheo | 13 Gennaio, 2016, 16:36

Tuttavia, non solo di ansia o di questioni psicologiche di tratta. Il cui studio ha dimostrato che, a soffrirne, sono maggiormente gli studenti universitari (circa il 90 per cento), sebbene la sindrome colpisca negli ultimi tempi sempre più persone.

Questa si verifica quando ci si abitua a portare il cellulare in tasca per periodi prolungati di tempo.

Non è la prima volta che si parla di sindrome da vibrazione fantasma ma i moderni smartphone sembrano aver amplificato il fenomeno: a chiamate ed SMS infatti si sono aggiunte anche le notifiche della posta elettronica, dell'agenda, dei social network e di tutte le altre applicazioni.

Generalmente, il posto più comune dove tenere il nostro telefonino è la tasca: dunque, quando abbiamo la vibrazione, solitamente l'avviso è rappresentato da un piccolo tremore causato dal contatto tra il cellulare e la coscia. Il nome di questo disturbo psicologico ricorda quello dell'arto fantasma, cioè la sensazione di avere un braccio o una gamba che invece sono stati amputati, che spesso ricorre nei pazienti che hanno per l'appunto perso di recente un arto. Questi dispositivi si hanno sempre in mano al punto che vengono interpretati come "arti fantasma" dalle aree del cervello che analizzano le sensazioni tattili (come la corteccia somatosensoriale o Area somestesica primaria) e finiscono per interferire con le percezioni tattili dell'individuo.

"Si percepiscono e scambiano come vibrazioni del cellulare quelli che in realtà sono i piccoli e frequenti spasmi muscolari - ha spiegato l'autore dello studio Robert Rosenberg - è sorprendente quante persone ne soffrano". Tanto da avere micro-allucinazioni che vibrano nella nostra tasca posteriore, a quanto pare.

Aggiungi il nostro Feed Rss per non perdere nessuna news!!!

Altre Notizie