Domenica, 21 Luglio, 2019

LECCE - Arrestato l'ergastolano Perrone. Era fuggito a novembre

PERRONE LECCE - Arrestato l'ergastolano Perrone. Era fuggito a novembre
Evangelisti Maggiorino | 09 Gennaio, 2016, 10:20

Al momento della cattura ha tentato di fuggire ma è stato bloccato sul terrazzo dell'abitazione dove era nascosto.

L'evasione. Tutti ricordano ancora come avvenne l'evasione dall'Ospedale Vito Fazzi in cui l'uomo era stato condotto per accertamenti medici: sottratta la pistola d'ordinanza dalla fondina di un agente della Polizia Penitenziaria che l'aveva accompagnato nel nosocomio salentino, l'ergastolano aveva fatto fuoco sul personale che si trovava dinanzi a lui, aveva rubato un'auto all'interno del parcheggio dell'ospedale sottraendola ad un'ignara signora che era giunta lì da poco e si era messo in fuga.

Il 6 novembre scorso l'ergastolano di Trepuzzi era fuggito dall'ospedale 'Vito Fazzi' di Lecce, dopo una sparatoria in cui aveva ferito tre persone, tra cui un agente della polizia penitenziaria, un vigilante e un visitatore.

L'uomo pare sia stato costantemente protetto nel corso della sua fuga da numerose persone, anche da insospettabili.

Perrone era armato della pistola sottratta a un agente della polizia penitenziaria durante la fuga e aveva un kalashnikov in una borsa.

Perrone quel giorno avrebbe agito senza premeditazione: infatti sebbene la visita specialistica fosse da tempo fissata, nella casa circondariale di 'Borgo San Nicola', dove era detenuto Perrone, era stato comunicato solo la sera prima che la mattina seguente sarebbe stato condotto in ospedale. L'uomo, quindi, avrebbe agito al momento, approfittando di alcune circostanze e qualcuno lo ha poi aiutato nel periodo di latitanza.

Fabio Perrone è stato arrestato all'alba a Trepuzzi dalla polizia. L'uomo si trova ora in una cella al piano superiore dell'edificio.

Finisce la latitanza del boss Fabio Perrone. "Siamo veramente molto contenti".

Altre Notizie