Mercoledì, 19 Giugno, 2019

Banca Etruria, perquisizione in 15 società che avevano avuto finanziamenti

Banca Etruria perquisizioni della Finanza in 15 societ Banca Etruria, perquisizione in 15 società che avevano avuto finanziamenti
Esposti Saturniano | 08 Gennaio, 2016, 12:09

A darne notizia è la Procura di Arezzo che spiega come stia proseguendo "l'attività finalizzata all'individuazione di eventuali condotte illecite penalmente rilevanti in relazione al dissesto della Banca aretina che, tra l'altro, ha portato al commissariamento dell'Istituto di Credito per gravi perdite patrimoniali".

Il filone di indagine infatti riguarda la presunta omessa comunicazione del conflitto di interessi da parte di alcuni dirigenti della banca "in ordine a una serie di operazioni aziendali che hanno contribuito alla crisi finanziaria dell'ente". Chi ha beneficiato dei finanziamenti? Il blitz degli uomini della Gdf di Arezzo, a quanto si apprende, sarebbe scattato nei confronti di società riconducibili a due ex membri del consiglio di amministrazione, l'ex presidente di Banca Etruria, Lorenzo Rosi, e l'ex consigliere Luciano Nataloni. Ci sono collegamenti fra gli ex vertici della banca (Rosi in particolare) e le società che hanno ricevuto i soldi? Le società interessate dalle indagini hanno sede sia in Toscana sia in Lombardia, Emilia e Liguria e operano in settori diversi che vanno dalle costruzioni alla compravendita dei beni. Complessivamente il denaro uscite dalle casse della banca ha gravato sul bilancio in maniera negativa visto che si trattava di finanziamenti "deteriorati" che hanno generato perdite per 18 milioni di euro.

Il ministero dell'Economia stima che 12.500 clienti retail abbiano comprato, direttamente o sul mercato secondario, obbligazioni subordinate perdendo i propri risparmi, specie nel caso di Banca Etruria.

Altre Notizie