Giovedi, 19 Settembre, 2019

Zuckerberg: un sistema di intelligenza artificiale la sfida del 2016

Zuckerberg Zuckerberg: un sistema di intelligenza artificiale la sfida del 2016
Acerboni Ferdinando | 06 Gennaio, 2016, 04:00

La sfida personale di Zuckerberg, dunque, è costruire una semplice intelligenza artificiale che lo aiuti in casa e nel lavoro. È Mark Zuckerberg che, dopo aver imparato il mandarino e letto almeno due libri al mese, ora vuole un'intelligenza artificiale per maggiordomo, simile al sistema computerizzato Jarvis che i fan di "Iron Man" ben conoscono. "Mentre sul versante lavorativo, mi aiuterà a visualizzare i dati in realtà virtuale, in modo da consentirmi di costruire servizi migliori e gestire le mie organizzazioni più efficacemente", scrive il numero uno del social network blu. "Comincerò con l'esplorare le tecnologie già disponibili - spiega Zuckerberg, ovviamente su facebook -".

Una volta che Zuckerberg avrà chiaro cosa esiste già, cosa si può migliorare e cosa si può creare, parlerà con i suoi ingegneri e si deciderà il da farsi.

Ogni sfida ha un tema, e il tema di quest'anno è "inventare" per Zuckerberg.

Sempre come annunciato dal fondatore di Facebook, si tratta di percorrere 365 miglia in un anno, ma forse anche lui si è dimenticato che il 2016 sarà un anno bisestile! "Gli insegnerò a lasciar entrare gli amici guardando le loro facce quando suonano al campanello, o a farmi sapere se nella camera di Max (la sua primogenita, nata alcune settimane fa, ndr) sta succedendo qualcosa che dovrei controllare".

Nel 2016 è il turno dell'intelligenza artificiale. Una sfida che partirà su un piano personale, ma che potrebbe avere sviluppi anche nelle nostre vite, magari traducendosi nel lancio di nuovi prodotti.

L'obiettivo del fondatore della piattaforma blu è quello di correre 365 miglia nel corso dell'anno ed ha invitato tutti gli utenti iscritti a Facebook a fare lo stesso.

Questo è il proposito di Zuckerberg per il 2016 appena iniziato, quale è il vostro?

Altre Notizie