Venerdì, 20 Settembre, 2019

Roma, ancora guai per la Raggi: bocciato il bilancio presentato dal Campidoglio

Acerboni Ferdinando | 21 Dicembre, 2016, 05:20

Ad annunciare la sonora bocciatura e l'apertura di una fase di incertezze sul futuro dell'esecutivo è il presidente del Consiglio, Marcello De Vito che, in apertura di seduta: "È stato depositato il parere dell'Oref e non è favorevole". A calare la scure sulla manovra 2017-2019 è l'Oref, l'organo di revisione economico-finanziaria del Comune. Il rischio concreto è quello di entrare in una gestione provvisoria, con forti limitazioni alle capacità di spesa. "Il parere Oref sono 60 pagine, lo abbiamo avuto poco fa e dobbiamo studiarlo". Alessandro Onorato, capogruppo della Lista Marchini, ha paventato l'ipotesi del "default" perché "il fondo passività è sballato, non copre i debiti fuori bilancio e le passività potenziali. A queste si aggiungono i conti delle municipalizzate fuori controllo". "Ora bisogna rifare il bilancio".

Tutti i diritti di utilizzazione economica previsti dalla legge n. 633/1941 sui testi da Lei concepiti ed elaborati ed a noi inviati per la pubblicazione, vengono da Lei ceduti in via esclusiva e definitiva alla nostra società, che avrà pertanto ogni più ampio diritto di utilizzare detti testi, ivi compreso - a titolo esemplificativo - il diritto di riprodurre, pubblicare, diffondere a mezzo stampa e/o con ogni altro tipo di supporto o mezzo e comunque in ogni forma o modo, anche se attualmente non esistenti, sui propri mezzi, nonché di cedere a terzi tali diritti, senza corrispettivo in Suo favore. Traduzione: il ministero boccia il primo bilancio dell'era Raggi. "Ecco chi sono i 5 Stelle".

Opposizioni protestano: "Erano stati avvisati". Ma la maggioranza, nel frattempo, si era già riunita in un'altra stanza di palazzo Senatorio per esaminare il parere dell'Oref, arrivato all'ora di pranzo, insieme all'assessore al Bilancio. Come esponente dei Verdi in giunte di sinistra, dal 2004 al 2009 ha ricoperto l'incarico di assessora all'Ambiente e Città sostenibile a Reggio Emilia (con Graziano Delrio, che non l'ha riconfermata nel suo secondo mandato) e, dal 2009 al 2012, di assessora ai Parchi storici e Decrescita di Genova. "La sindaca ha chiesto senso di responsabilità, ma stanno litigando dietro le quinte e il senso di responsabilità lo ha solo l'opposizione, è una vergogna", ha spiegato Andrea De Priamo, consigliere di Fratelli d'Italia.

Altre Notizie