Martedì, 25 Giugno, 2019

Windows 10 sui device con processore ARM, il cerchio si chiude

Windows 10 sui device con processore ARM, il cerchio si chiude Windows 10 sui device con processore ARM, il cerchio si chiude
Acerboni Ferdinando | 10 Dicembre, 2016, 01:43

Proprio in questi ultimi giorni, Microosft e Qualcomm hanno annunciato una nuova partnership attraverso la quale Windows 10 potrà arrivare sulla piattaforma ARM e, tra i primi processori che potranno beneficiare di questa novità, si trovano proprio gli Snapdragon: questa rivoluzione potrebbe permette a Redmond di rivedere la sua strategia in ambito mobile.

Microsoft è pronta a trasferire l'intera esperienza desktop su dispositivi mobili dotati di processori con architettura ARM grazie (anche) alla collaborazione con Qualcomm, confermando quanto trapelato online qualche giorno fa.

Un'altra grande novità annunciata da Microsoft è che Windows 10 avrà il supporto per le E-SIM, cioè le sim virtuali integrate direttamente all'interno dell'hardware degli smartphone, che saranno in grado di offrire connettività di rete diretta con gli operatori senza dover fisicamente cambiare la scheda rendendo l'operazione più semplice comoda, ed eliminando così l'alloggiamento della scheda SIM all'interno della scheda madre dello smartphone. Tutti i programmi disponibili per la versione classica di Windows saranno dunque eseguibili anche su smartphone e tablet.

A questo punto appare evidente che in alcune circostanze il nostro futuro smartphone (Surface Phone??) potrebbe prendere il posto di un PC portatile evitando di portarci dietro il notebook.

Saranno quindi gli Snapdragon 830 e 835 ad assicurare una capacità di calcolo paragonabile a quella offerta dai processori per i device desktop, assicurando prestazioni quindi elevati ma, nel contempo, con un occhio di riguardo anche per il consumo energetico, che sarà in questo senso meno importante. Avevano promesso di chiudere li la storia con Windows 8.1, ma Windows Mobile 10 era assolutamente Windows 10 RT.

Altre Notizie