Domenica, 24 Giugno, 2018

Apple sta davvero lavorando sull'auto a guida autonoma

Apple sta davvero lavorando sull'auto a guida autonoma Apple sta davvero lavorando sull'auto a guida autonoma
Acerboni Ferdinando | 05 Dicembre, 2016, 15:20

Apple è la prima volta che parla esplicitamente della sua volontà di entrare nel settore delle auto. Apple potrà fornire a terzi la tecnologia per produrre veicoli a guida autonoma ma potrebbe anche pensare alla progettazione e alla vendita di auto in proprio. Nella missiva, datata 22 novembre, il responsabile per l'integrità del prodotto Steve Kenner conferma gli investimenti della "Mela morsicata" nell'ambito della guida autonoma: "L'azienda sta investendo pesantemente nello studio del machine learning ed è entusiasta per le potenziali applicazioni dei sistemi automatizzati in numerosi campi, incluso quello dei trasporti".

Apple esce allo scoperto per quanto concerne la guida autonoma con una lettera ufficiale inviata alla National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA).

Apple usa il machine learning per rendere i suoi prodotti e servizi più intelligenti, intuitivi e personali.

Se gli analisti di mercato si domandano, per tanto, se la Apple car vedrà mai la luce o rimarrà confinata nel novero dei progetti gettati lì per attrarre investitori e scompigliare i mercati, il Financial Times pare far pendere la bilancia delle intenzioni di Tim Cook e soci dalla parte di un deciso sì e confermare tutti quei rumors che prevedono l'azienda già intenta a progettare e costruire l'auto del futuro.

Il ruolo di Cupertino nella corsa alla guida autonoma non è stato meglio specificato nella lettera, ma è presumibile che l'azienda della Silicon Valley si dedichi allo sviluppo di un software da rivendere ai costruttori automobilistici, dato anche il recente arrivo di un team di esperti provenienti dalla QNX. Ve lo do io!

Dopo avere messo nel cassetto "Project Titan" per la realizzazione di un'auto elettrica, Apple guarda di nuovo al settore automobilistico per lo sviluppo di una vettura driverless. Un database, tuttavia, che non dovrebbe andare a discapito della privacy degli automobilisti, né limitare le libertà fondamentali degli individui. Al tempo stesso Apple sottolinea che i produttori di automobili consolidati possono sfruttare il FAST Act (Fixing America's Surface Transportation) per ottenere esenzioni sull'applicazione degli standard FMVSS durante le fasi di testing delle auto sulle strade pubbliche, diritti che non hanno i nuovi nomi del settore, come Apple o Google.

Altre Notizie