Mercoledì, 17 Luglio, 2019

Lazio-Roma, De Rossi: "Ora non esaltiamoci come succede spesso"

Lazio-Roma, De Rossi: Lazio-Roma, De Rossi: "Ora non esaltiamoci come succede spesso"
Cacciopini Corbiniano | 05 Dicembre, 2016, 03:04

Questo è stato un derby condizionato dalla non bellezza del gioco, spesso gli episodi lo indirizzano. Il gol ha cambiato la partita e gli umori, per loro e per noi. La vittoria contro i 'cugini' da' la carica per affrontare Milan e Juve: "Abbiamo battuto la terza, adesso affronteremo la seconda e la prima".

Ne abbiamo parlato mille volte, quando non vincevamo partite come queste ci arenavamo sui pareggi fuori casa in maniera un po' stupida. Il mister troverà le soluzioni perché il materiale c'è, poi se la società mette mano alla cassa per prendere dei giocatori forti, non solo per il ruolo di Salah, noi dobbiamo essere contenti.

"Se a 33 anni affrontassi i derby come li affrontavo a 20 sarei già morto". Questo derby è stato particolare, aveva un valore notevole anche perché eravamo da soli, senza la nostra curva. C'è stato il derby, poi c'è il Milan e la Juventus, non abbiamo il tempo di parlare di una cosa meno importante degli impegni della squadra. Penso che nel secondo tempo abbiamo gestito meglio le palle sporche, abbiamo messo la giusta dose di personalità quando la palla scottava. Così Daniele De Rossi, centrocampista della Roma, invita tutti i tifosi della Capitale alla calma dopo le polemiche che hanno preceduto e che stanno riempiendo anche il dopo-derby.

Non riuscite a non esultare tanto e pensare subito alla prossima partita? Questa e' stata la dimostrazione che in squadra abbiamo giocatori forti. Quando arrivo allo stadio il brivido c'è sempre.

Si, il gruppo non è cambiato in quanto interpreti ma anche gli stessi che l'anno scorso magari si screpolavano quando le cose andavano male quest'anno sono più motivati. In fase difensiva non abbiamo concesso niente. La partita era abbastanza tranquilla, il gol poi cambia l'umore, la sconfitta ti porta a dire qualcosa sopra le righe come nel caso di Lulic o a fare qualche parapiglia come nel caso di Cataldi che è un bravissimo ragazzo. Spalletti è una garanzia, spesso le sue squadre giocano bene. Viviamo gomito a gomito, dividiamo le famiglie, le strade, la città. "Il derby ha un sapore particolare, ma le guerre lasciamole da parte che già ce ne sono tante". E' chiaro che c'è anche la mano di Spalletti, che fa giocare bene la squadra. Sembra un torneo come quelli con la Nazionale quando fai quarti, semifinale e finale, in cui affronti tutte le più forti.

Altre Notizie