Domenica, 04 Dicembre, 2016

Coldiretti: Via libera al testo unico sul vino per una burocrazia dimezzata

Vino, sì alla nuova legge: giù burocrazia, spinta al settore Agricoltura, testo unico del vino è legge
Machelli Zaccheo | 30 Novembre, 2016, 19:16

"Si tratta di un provvedimento che porterà da subito numerose semplificazioni e facilitazioni per gli operatori, frutto - commentano Cia, Confagricoltura, Alleanza delle Cooperative agroalimentari, Federvini, Unione Italiana Vini, Federdoc, Assoenologi - di un lavoro intenso durato anni, che ha visto impegnati tutti i gruppi parlamentari e le organizzazioni del settore vitivinicolo, uniti dal comune intento di semplificare, innovare e valorizzare un comparto strategico per il Made in Italy".

"Finalmente diamo ai produttori una sola legge di riferimento con 90 articoli che riassume tutta la normativa precedente". "Con il Testo unico - aggiunge Martina - possiamo contribuire a rafforzare la crescita di un settore che già oggi vale più di 14 miliardi di euro e con un export che supera i 5,5 miliardi".

In particolare la legge si concentra su un'operazione concreta di semplificazione su produzione, commercializzazione, denominazioni di origine, indicazioni geografiche, menzioni tradizionali, etichettatura e presentazione, gestione, controlli e sistema sanzionatorio. Ieri la commissione Agricoltura della Camera ha approvato, in sede legislativa, il Testo unico sul vino. Una vera boccata d'ossigeno per le oltre 3500 aziende vitivinicole modenesi che con 6.500 ettari di vigneto producono 1.100.000 ettolitri di vino e tengono altro il nome di Modena nel mondo con il Lambrusco (che gode del riconoscimento di ben di tre denominazioni di origine DOP, Sorbara, Castelvetro e Salamino) senza dimenticare il vino "Modena DOP" e le due denominazioni IGP (indicazione geografica protetta) del "Bianco di Castelfranco Emilia" e "dell'Emilia".

Il testo unico sul vino dà anche spazio all'innovazione: per aumentare la trasparenza a beneficio del consumatore, sarà possibile introdurre in etichetta dei sistemi di informazione che sfruttino le nuove tecnologie.

Tra le novità apportate dalla riforma è prevista una disposizione sulla salvaguardia dei vigneti eroici o storici al fine di promuovere interventi di ripristino recupero e salvaguardia di quei vigneti che insistono su aree soggette a rischio di dissesto idrogeologico o aventi particolare pregio paesaggistico. Importanti innovazioni vengono anche introdotte nel settore della tutela del prodotto contro la contraffazione, mentre i controlli sulle imprese del settore vitivinicolo confluiranno nel registro unico dei controlli (RUCI) a prescindere se siano o no imprese agricole. E una forte incidenza sul fronte dell'occupazione.

Altre Notizie