Venerdì, 02 Dicembre, 2016

Pooh:l'ultimo concerto anche al cinema via satellite

Pooh, una vita da pionieri. L'ultimo lungo abbraccio della band attraverserà l'Italia per concludersi il 30 dicembre con l'ultimo grande concerto-evento a Bologna trasmesso anche al cinema A Bologna l'ultimo concerto dei Pooh : "Fa male, ma indietro non si torna"
Deangelis Cassiopea | 30 Novembre, 2016, 18:01

"Tutto deve finire, addirittura i Pooh", scherzano Roby Facchinetti, Dodi Battaglia, Red Canzian, Stefano D'Orazio e Riccardo Fogli che ieri, a Milano, hanno tenuto la loro ultima conferenza stampa, in chiusura di un anno dedicato al cinquantenario della band che si è sviluppato durante tutto questo 2016 con uscite discografiche, concerti, ospitate ed eventi che termineranno il prossimo 30 dicembre con un concerto evento a Bologna - là dove tutto cominciò - che sarà trasmesso anche in molti cinema del Paese, chiudendo un capitolo importante della Storia della musica italiana. Questa reunion e questa tournèe però sono davvero il nostro ultimo viaggio.

"Il dolore c'è, ma non si torna indietro" hanno detto i Pooh oggi alla loro ultima conferenza stampa.

È la prima volta in assoluto che una band decide di chiudere la propria carriera con un concerto trasmesso in diretta via satellite nei cinema italiani. Siamo arrivati sani al porto e questo è molto più importante che scendere dal palco.

Sembrava avessero già fatto tutto.

Il concerto si terrà il 30 dicembre: sul sito nexodigital.it saranno presto svelate le sale aderenti all'iniziativa e dal 9 dicembre saranno acquistabili i ticket.

Tra un mese esatto andrà in scena a Bologna l'ultimo concerto della storia dei Pooh, la celebre band italiana che è tornata insieme, in formazione originale, per il cinquantesimo anniversario dalla nascita. Voglio vederla in positivo, riprenderemo in mano la nostra vita.

Un addio senza rimorsi e con grande consapevolezza per la lunga carriera e amicizia.

"Il segreto per stare 50 anni insieme?"

Ora restano le famiglia, soprattutto, i progetti solisti, ovviamente, e il riposo necessario dopo un anno a tutto gas, ma la loro musica non termina lì, come spiega anche il Presidente di Sony Italia Andrea Rosi: "Non immaginate quanto avrei rosicato a vedere l'ultimo cd dei Pooh non pubblicato dalla mia etichetta" ha spiegato prima di tirare giù una selva di numeri e la speranza di poter rivedere, nei prossimi anni, ancora prodotti a marchio Pooh, con la speranza che, chissà, dai loro archivi, ora che avranno la possibilità di metterci mano con più calma - "Abbiamo sempre vissuto sapendo quello che avremmo fatto l'anno successivo, senza goderci il presente", con un futuro sempre organizzato, hanno spiegato ai giornalisti -, possa uscire qualche gemma nascosta. Chi fermerà la musica, Piccola Katy, La donna del mio amico. "Quelli rimasti sono uniti da un fatto di chimica, talento, costanza e da una mentalità di chi confronta l'un l'altro gli entusiasmi e le passioni".

L'ultimo video dei Pooh è per "Pierre" loro brano storico sul tema dell'omosessualità. La canzone è in una nuova versione a cinque voci.

Altre Notizie