Domenica, 04 Dicembre, 2016

Addio a Fidel Castro Cuba resta in silenzio

Evangelisti Maggiorino | 29 Novembre, 2016, 20:36

Nei prossimi giorni i leader internazionali inizieranno ad arrivare sull'isola. C'è stata una tendenza più forte a incoraggiare la reverenza per l'eroe dell'indipendenza cubana José Martí e per i caduti della rivoluzione cubana, come Camilo Cienfuegos, oltre che per Che Guevara. Qualche centinaio di studenti si sono raccolti sabato sera per una veglia nottura davanti alla facoltà dove il Comandante ha fatto i suoi primi passi in politica alal fine degli anni '40.

L'Avana si sveglia silenziosa nel primo di nove giorni di lutto nazionale per la morte di Fidel Castro. La gran parte dei ristoranti ha ridotto l'orario di apertura. Ma è rimasto sempre e comunque una presenza "ingombrante".

Tra gli 11,2 milioni di abitanti dell'isola, molti non hanno nascosto il loro dolore rispetto alla perdita di quello che è considerato un gigante del XX secolo nel paese, capace di tenere testa alla potenza statunitense.

E' stato proprio Raul in un discorso alla televisione a rivelare il decesso del Lider Maximo. Ad esempio, Castro è stato raffigurato solo due volte su un francobollo cubano: nel 1974 apparve su un francobollo commemorativo della visita di Leonid Brežnev e nel 1999 apparve su uno che commemorava il 40º anniversario della rivoluzione. In seguito nesuna fonte ufficiale ha confermato la cremazione. In ogni caso, secondo l'analista, la morte del Lider Maximo "accelererà probabilmente le riforme economiche, ma bisognerà attendere il ritiro dalla presidenza di Raul, annunciato per il 2018, per valutare più chiaramente se ci saranno cambiamenti sostanziali". Ci sono analisti che prevedono una lotta di potere interna al regime. L'anziana donna ha smorzato le voci che l'avrebbero voluta presente alle esequie di Fidel: pur esprimendo il senso della perdita del fratello, ha detto che non intende affatto andarci.

A Obama si contrappone il giudizio netto di Donald Trump, che sembra unirsi ai festeggiamenti della Little Havana in Florida: "Oggi il mondo segna la scomparsa di un dittatore brutale che ha oppresso il suo popolo per quasi sei decenni". Su quel "di tutto" si basa il futuro delle relazioni Usa-Cuba.

"Con la morte di Castro scompare dalla scena politica un ostacolo, seppur simbolico, al riavvicinamento tra Cuba e gli Usa". Castro, Gentiloni: "Chiusa pagina '900" "Con Fidel Castro si chiude una pagina grande e drammatica del Novecento". Il presidente russo Vladimitr Putin l'ha salutato come un "uomo di stato emerito" e un "amico sincero e affidabile della Russia". Rientrando a casa, Katia ha notato che le strade erano più deserte del solito, anche se - racconta - nella Plaza de la Revolucion c'era un inusuale movimento di poliziotti. Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha parlato di Castro come di un "guerriero implacabile" della giustizia. E furono gli Stati Uniti a perpetrare crimini nell'America latina, come il golpe feroce contro il governo democraticamente eletto di Allende in Cile e l'interruzione violenta dell'esperimento, carico di attese, di una via libera e democratica verso il socialismo. A sconfiggerlo è stato l'unico nemico col quale è impossibile combattere: il tempo.

Altre Notizie