Giovedi, 21 Novembre, 2019

Siria, italiano lancia appello: Rapito da 7 mesi, salvatemi dall'esecuzione

Attendere un istante stiamo caricando il video Attendere un istante stiamo caricando il video
Evangelisti Maggiorino | 29 Novembre, 2016, 16:44

Le immagini sono online sul sito russo Newsfront secondo cui Zanotti, originario di Brescia, sarebbe prigioniero di un gruppo armato non identificato in Siria da sette mesi. "Prego il governo italiano di intervenire nei miei confronti prima di una mia eventuale esecuzione" aggiunge l'uomo, accento bresciano, barba lunga e indosso una tunica bianca. Nel video l'ostaggio tiene in mano un cartello con su scritta una data, il 15 novembre 2015. Alle sue spalle un altro uomo, vestito di nero e con il volto coperto, gli punta un mitra contro.

Newsfront ha diffuso anche un'altra foto nella quale il presunto ostaggio e in piedi.

Il video, ha spiegato 'News Front', è stato ricevuto dal capo del servizio in inglese del sito da una persona in Siria che si è definita un "jihadista". Poco sotto viene mostrata la copia del passaporto, intestato appunto a Sergio Zanotti, nato nel 1960 a Marone, in provincia di Brescia. Il video gira sul web da circa una settimana e gli investigatori stanno ricostruendo i movimenti dell'uomo: sarebbe stato accertato accertato che effettivamente alcuni mesi fa Zanotti è partito dall'Italia per la Turchia, dove si sono perse le sue tracce. "In paese non si vede praticamente mai".

Anche fonti di Intelligence hanno confermato il rapimento. "Lo staff editoriale ha deciso di pubblicare il materiale - si legge ancora - dal momento che la sua diffusione potrebbe salvare una vita innocente". La stessa Unità di crisi della Farnesina conferma di essere in stretto contatto da subito con i familiari di Zanotti, in particolar modo con la ex moglie e la figlia. Le autorità italiane competenti stanno seguendo il caso, hanno aggiunto le fonti.

"Riceveremo una nota nelle prossime ore dagli 007 che ci spiegherà la situazione, alcuni aspetti sono da chiarire, ma pare, purtroppo, che il video sia autentico" dice all'AdnKronos, il presidente del Copasir, Giacomo Stucchi.

Altre Notizie