Venerdì, 19 Aprile, 2019

Nubifragio su Sciacca: strade spaccate, macchine capovolte, fiumi d'acqua in negozi

Maltempo allerta in Calabria e Sicilia Nubifragio su Sciacca: strade spaccate, macchine capovolte, fiumi d'acqua in negozi
Evangelisti Maggiorino | 26 Novembre, 2016, 08:57

Nel cuore della notte, una perturbazione piuttosto intensa ha colpito le coste trapanesi, poi poco dopo il maltempo si è spostato verso il territorio occidentale della provincia di Agrigento, con Ribera che risulta essere al momento il centro più toccato dall'ondata temporalesca che ha lasciato tregua solo alle prime luci dell'alba: scantinati allagati, terreni sommersi, strade ai limiti della praticabilità, così come anche alcuni crolli ed innalzamento delle acque del fiume Verdura, adesso monitorato secondo dopo secondo dalla Protezione Civile. Ma l'abitacolo era vuoto. Il sindaco, Fabrizio Di Paola, ha invitato tutti i cittadini "a non uscire di casa, se non in casi estremamente eccezionali, e a non utilizzare i propri mezzi di trasporto". Smottamento anche in autostrada. Il problema però - continua il primo cittadino - sono le strade. A Giardini Naxos è esondato il torrente San Giovanni.

Vere e proprie bombe d'acqua che si sono abbattute nei centri abitati e anche nelle zone periferiche causa innumerevoli danni. Allagamenti anche a Santa Margherita Belice.

Drammatica la situazione anche a Ribera, altra città particolarmente colpita. Tutto è stato divelto, distrutto. Siamo quasi isolati, non possiamo nemmeno raggiungere l'ospedale di Sciacca (Ag). Situazione analoga a Cianciana, Bivona, Santo Stefano Quisquina.

La circolazione ferroviaria è stata sospesa dalle 10.30 sulla linea Palermo - Agrigento, tra le stazioni di Roccapalumba e Agrigento, per l'allagamento dei binari della stazione di Castronovo. L'Anas ha inviato diverse squadre d'intervento per rimuovere i detriti dalle strade statali e aiutare gli automobilisti. L'esondazione del torrente Carabollace, sulla statale 115 fra Sciacca e Agrigento, ha danneggiato i cavi della fibra ottica e ha abbattuto diversi pali telefonici, con telefoni in tilt in numerosi comuni della zona.

L'episodio ha avuto ripercussioni sui servizi di rete fissa e mobile della zona, interessando principalmente i comuni di Sciacca, Caltabellotta, Ribera, Calamonaci, Luccasicula, Burgio, Favara, Sambuca, Cattolica Eraclea e Castelvetrano. Nella cittadina termale ha ceduto la via Amendola, che è la strada che porta al Tribunale, e la via Pietro Gerardi nei pressi del carcere.

Altre Notizie