Sabato, 21 Settembre, 2019

Storico al Franchi: l'Italia del rugby batte il Sudafrica

Cacciopini Corbiniano | 20 Novembre, 2016, 13:16

L'ultima palla è per i sudafricani che confermano la loro giornata no. La perdono e l'Italia entra nella storia del rugby. Anche Padovani ha realizzato un calcio di punizione.

Oggi allo Stadio "Artemio Franchi" di Firenze si è disputato il secondo Test Match novembrino della Nazionale italiana di rugby, guidata dal ct irlandese Conor O'Shea.

La partita in sé ha riservato emozioni a non finire e continui rovesciamenti. Sono gli Springboks a smuovere il risultato, con la meta di Habana all'8', più per demerito degli azzurri (tre falli in sei minuti, due di Parisse in touche) che per effettiva superiorità.

Da una maul avanzante arriva la meta del marsicano Venditti, trasformata da Canna. La pressione fa male al Sudafrica, Jantjies sfrutta il fuorigioco di Parisse per riportare il XV gi alloverde in avanti (17-18), ma Canna risponde centrando i pali per il 20-18.

Un fallo dubbio fischiato dall'arbitro Clancy a Parisse riporta avanti gli Springboks, però Canna risponde subito per il 20-18. Al fischio arbitrale il boato del Franchi può celebrare così l'impresa azzurra. Ho parlato con O'Shea e col presidente Gavazzi nei giorni scorsi quando la nazionale era in ritiro qui a Roma: ho visto un ambiente galvanizzato malgrado la sconfitta numericamente importante con gli All Blacks, tra le righe si vedeva che c'era qualcosa di buono, di diverso. "Ci sono i presupposti perdare a questo Paese una grande nazionale di rugby". Sonoanni che ci trovavamo vicini a vincere grandi partite comequesta, ma senza riuscirci. "Abbiamo ancora molto da fare, ora dobbiamo creare la nostra storia". Concetto ripreso anche dal ct O'Shea.

Malagò: "Orgoglioso Italia, è rivincita di O'Shea" - "Sono felice, questa vittoria ci voleva per ridare fiducia a un ambiente che sicuramente come risultati sportivi nella scorsa stagione non ha brillato". Di certo battere una squadra dell'emisfero australe, impresa mai riuscita finora all'Italrugby, rappresenta un bel biglietto da visita.

Altre Notizie