Lunedi, 23 Settembre, 2019

Lamborghini Huracàn RWD Spyder

Lamborghini Huracàn RWD Spyder Lamborghini Huracàn RWD Spyder
Acerboni Ferdinando | 17 Novembre, 2016, 10:00

Al Salone dell'Auto di Los Angeles, che si apre venerdì 18 novembre, Lamborghini presenta - non avrebbe potuto scegliere location migliore - la versione scoperta della Huracan LP580-2, lanciata esattamente un anno fa.

"La RWD Spyder amplia la gamma dei modelli chiave della famiglia Huracan", ha dichiarato Stefano Domenicali, Chairman e Chief Executive Officer di Automobili Lamborghini.

In termini di prestazioni la Lamborghini Huracan Spyder LP580-2, che vanta un peso a secco di 1.509 chilogrammi e un relativo rapporto peso-potenza di 2,6 kg/CV, è in grado di accelerare da 0 a 100 km/h in 3,6 secondi e di toccare una velocità massima di 319 chilometri orari, vale a dire poco più lenta della Huracan Spyder a trazione integrale che sprinta da 0 a 100 km/h in 3,4 secondi e raggiunge i 324 km/h di top speed.

Sotto il cofano c'è il V10 da 5.2 litri aspirato capace di erogare una potenza di 580 CV e 540 Nm di coppia massima, abbinato al cambio doppia frizione a sette rapporti dotato di Launch Control.

Arriverà su tutti i mercati a gennaio 2017 ed il prezzo sarà posizionato fra le coupé integrali e quella a trazione posteriore.

Il look della Lamborghini Huracán RWD Spyder è messo in risalto dalle grandi prese d'aria frontali e dalla capote, che conferisce alla vettura un profilo unico sia a tetto aperto che chiuso. "Gli pneumatici Pirelli PZero, sviluppati in esclusiva per la Huracán a trazione posteriore, sono montati su cerchi Kari da 19". La piattaforma fornisce informazioni in tempo reale alle sospensioni magnetoreologiche (MRS) previste come optional, allo sterzo e ai sistemi di controllo della stabilità.

I cinematismi posteriori aumentano la sensazione di "bilanciamento" della vettura; inoltre, come tutti i modelli Huracan, la nuova Spyder è equipaggiata con la Lamborghini Piattaforma Inerziale (LPI), un sistema di sensori situato nel baricentro della vettura che ne traccia tutti i movimenti in 3D. Quando il conducente accelera, il sistema torna immediatamente in modalità a dieci cilindri - una variazione pressoché impossibile da rilevare da parte del conducente.

Altre Notizie