Domenica, 15 Settembre, 2019

17 novembre: riapre al pubblico l'area archeologica del Circo Massimo

Caso Fortuna sentiti i primi testimoni. L'avvocato del padre Mimma Guardato la mamma di Chicca
Deangelis Cassiopea | 17 Novembre, 2016, 05:10

Ha ospitato nel corso dei secoli corse delle bighe, ma anche spettacoli teatrali, riti religiosi e condanne a morte.

Apre al pubblico l'area archeologica del Circo Massimo dopo sei anni di lavori.

L'ingresso sarà da piazza di Porta Capena, e la stessa sindaca Raggi ha spiegata quanto costerà l'ingresso: "Ieri sera abbiamo deciso in giunta un prezzo politico del biglietto". Anche gli spazi pubblici adiacenti sono stati sistemati e riqualificati. É stata costruita una terrazza panoramica, che permetterà all'area di essere più visibile, sono stati creati dei percorsi di visita con i rispettivi impianti di illuminazione.

Nel percorso previsto, i visitatori avranno la possibilità di scoprire luoghi insoliti, si potrà infatti accedere alle gallerie che un tempo conducevano alle gradinate della cavea (i senatori al piano terra e la plebe al piano superiore), mentre nelle gallerie, che si potranno percorrere per un tratto di circa 100 metri ciascuna, si potranno osservare anche i resti delle latrine antiche. Qui è possibile visitare anche alcune stanze che venivano utilizzate come botteghe (tabernae) per soddisfare le necessità del numeroso pubblico dei giochi.

Possibile che l'area archeologica del Circo Massimo, uno dei monumenti più importanti dell'antichità, non fosse possibile da visitare?

Gli interventi di restauro sono stati condotti da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale- Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, in collaborazione con l'Ufficio Città Storica, con il contributo tecnico di Zetema Progetto Cultura e realizzati dall'Impresa Celletti Costruzioni Generali. La Raggi ha poi presentato le modalità per la visita dell'area: "Per i visitatori i prezzi dei biglietti saranno di 5 euro intero e di 4 euro ridotto; invece per i residenti romani i prezzi saranno di 4 euro per il biglietto intero e di 3 per il ridotto". Nello spazio antistante la torre sono stati posizionati i frammenti architettonici di marmo lunense provenienti dallo scavo dell'arco di Tito.

Altre Notizie