Martedì, 12 Novembre, 2019

Scamarcio e Chiatti, è La cena di Natale

Scamarcio e Chiatti, è La cena di Natale Scamarcio e Chiatti, è La cena di Natale
Deangelis Cassiopea | 16 Novembre, 2016, 23:54

Con sorprese e rivelazioni sentimentali-sessuali e cascate di bugie come si conviene ad ogni cena di Natale che si rispetti, almeno al cinema. Il film diretto da Marco Ponti e ispirato ai personaggi dei romanzi di Luca Bianchini uscirà nella sale il prossimo 24 novembre. "Il mio personaggio, Damiano, ha dei difetti macroscopici su cui abbiamo lavorato".

"Non solo come produttori, ma anche come spettatori avevamo voglia di vedere un sequel perché volevamo sapere più di quei personaggi e lavorare ancora con questo bellissimo gruppo", spiega Federica, figlia di Fulvio.

Scamarcio ha affermato che era cosciente che, non solo in "La cena di Natale", ma anche in "Io che amo solo te", il suo Damiano era "portatore del conflitto, riprendendo la tradizione della migliore commedia italiana dove i personaggi erano potenti e tridimensionali perché mettevano i scena i vizi di questo ipocrita 'bel paese'". Ninella (Maria Pia Calzone) e Don Mimì (Michele Placido) si amano e sognano di partire finalmente insieme, ma tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare, non solo quello di Polignano.

"Dopo aver visto Alessandra Amoroso cantare" Io che amo solo te" di Sergio Endrigo nel film omonimo di Marco Ponti, in La cena di Natale la voce che ascoltiamo è quella di Emma Marrone: la sua canzone Quando le canzoni finiranno è infatti la colonna sonora de La cena di Natale: "Quando ho scelto di prendere questa canzone nel mio disco, ho subito pensato che sarebbe stata perfetta in un film perché sposta tutti i punti di equilibrio di una storia d'amore classica - ha raccontato Emma Marrone in conferenza stampa - è un'incognita, proprio come una cena di Natale. "È una persona che con i suoi film mi ha dato tanto, e questo è il mio modo per ringraziarlo". "E visto che l'ipocrisia non è diminuita, nonostante nuovi mezzi di comunicazione come i social, l'idea era proprio quella di creare un personaggio controverso che nonostante gli errori macroscopici che compie, riesce a creare la giusta empatia col pubblico, anche grazie all'ironia". "E' pur vero che quando hai un bambino cambiano le priorità ed a tuo marito pensi sempre meno".

Laura Chiatti in La cena di Natale è una Chiara all'ottavo mese di gravidanza e, quando ha girato il film, l'attrice era incinta davvero: "La gravidanza è un momento molto particolare per una donna". "Per me ha rappresentato tutto un certo tipo di cinema italiano con cui la mia generazione è cresciuta" ha dichiarato Ponti "Quando c'era lui si produceva di tutto, dai film di fantascienza ai western".

Altre Notizie