Venerdì, 23 Agosto, 2019

Ristorante seta di Mandarin Oriental, Milan si aggiudica due stelle Michelin

Ristorante seta di Mandarin Oriental, Milan si aggiudica due stelle Michelin Ristorante seta di Mandarin Oriental, Milan si aggiudica due stelle Michelin
Acerboni Ferdinando | 15 Novembre, 2016, 19:19

A 41 ristoranti sono stati assegnate due stelle, tra questi, 5 novità di cui una conferma, Danì Maison, Terra, Locanda Margon, Seta, Enrico Bartolini.

E' stata presentata oggi a Milano la "Guida Michelin" che premia migliori ristoranti.

L'Italia, con ben 343 ristoranti premiati, si conferma la seconda nazione al mondo per numero di ristoranti stellati: segno evidente che l'originalità degli chef e le straordinarie materie prime che offre il Bel Paese sono ancora un connubio più che vincente.

La celebre guida, che ogni anno compila scrupolosamente la propria rosa delle eccellenze gastronomiche internazionali, ha incoronato la brigata di Seta e lo Chef Antonio Guida con l'ambito riconoscimento a poco più di un anno dall'apertura del ristorante, diventato in pochi mesi uno dei punti di riferimento del fine dining in Italia. Cinque le nuove stelle a Roma, che si scopre città dinamica e piena di iniziativa: Marco Martini con The Corner, Giulio Terrinoni con il suo Per Me, Kotaro Noda con Bistrot 64, Franco Madama con Magnolia e Claudio Mengoni con Assaje.In Lazio conquistano la stella anche Vistamare a Latina e Aminta Resort a Gennazzano, mentre in Campania arrivano tre nuovi ristoranti a una stella Michelin: Veritas di Gianluca D'Agostino a Napoli, Luigi Salomone con Piazzetta Milù a Castellammare di Stabia, Il Mosaico dell'Hotel Manzo a Casamicciola. Con 1 stella ne figurano 34 dei quali 4 sono new entry: tre nella provincia di Cuneo, Da Francesco a Cherasco, La Madernassa a Guarene e 21.9 a Piobesi d'Alba e Zappatori a Pinerolo.

E tra i 39 ristoranti stellati del Piemonte ci sono le cinque eccellenze novaresi, tutte e cinque riconferme.

Il Piccolo Lago festeggia 10 edizioni consecutive con due stelle, 13 anni complessivi da stellato: "È un premio - commenta lo chef Marco Sacco - che va al lavoro di squadra creato negli anni con la mia famiglia e con i giovani che hanno lavorato nella mia cucina".

Altre Notizie