Domenica, 19 Gennaio, 2020

Donald Trump ha vinto le elezioni: le reazioni delle celebrities

Machelli Zaccheo | 11 Novembre, 2016, 08:55

"Le proiezioni dicevano che Hillary Clinton era in vantaggio in Florida, così mi sono addormentata tranquilla".

Si tratta nello specifico di nuovi progetti che vengono richiamati dall'assessore regionale Loredana Capone: "Stanno investendo in Puglia tre società americane: GE Avio (95,4 milioni di euro totali) e altre due società Usa, Experis ed Sm Optics, la prima investe più di 4,5 milioni di euro e la seconda più di 1,3 milioni". Sul presidente, invece, che gli Stati Uniti "hanno un enorme debito di gratitudine nei confronti di Barack e Michelle Obama". "Ogni americano avrà le sue chance e tutti quelli che sono stati dimenticati in passato non lo saranno più". I poliziotti gli hanno ordinato di andarsene, ma la maggior parte non si è spostata. Tutto merito di Wall Street, che, dopo un avvio contrastato e a dispetto delle previsioni di analisti e gestori, nel tardo pomeriggio italiano ha accelerato, con il Dow Jones in crescita dell'1,13% e il Nasdaq in progresso dello 0,96 per cento. Non abbiamo ancora sfondato quel soffitto di cristallo (metafora per l'assenza di una presidente donna, ndr), ma so che qualcuno lo farà, e magari prima di quanto crediamo. Uno in caso di vittoria e l'altro in caso di sconfitta.

Anche per gli animali l'elezione di Trump non è stata di certo una buona notizia.

Una campagna elettorale portata avanti al grido di "America first" non lascia ben sperare per i nostri produttori, facendo presagire possibili politiche protezionistiche per i prodotti americani che si trasformerebbero in dazi e ostacoli per l'export del nostro agroalimentare. I contrari, ossia tutte le opposizioni da Forza Italia al Movimento 5 Stelle, alla Lega Nord e ad una minoranza del Partito democratico, ritengono che renderà il sistema legislativo più complicato e il bilanciamento dei poteri meno equilibrato. "Le elezioni non sono ancora finite ma comunque vada God bless America".

"Ieri ho fatto le congratulazioni a Trump e mi sono offerta di lavorare con lui". Se Hillary Clinton ha più volte ribadito la necessità di ridurre i gas serra, Trump ha spesso messo in discussione l'esistenza stessa dei cambiamenti climatici seguendo una filosofia più volte ribadita nel Partito Repubblicano. "Dobbiamo accettare questo risultato" ha detto l'ex segretario di Stato: "Donald Trump sarà presidente e ci dobbiamo porre in modo aperto, dandogli la possibilità di governare". Per molte persone negli Stati Uniti e altrove, l'elezione di Trump è un duro colpo per il sogno americano, anche dal punto di vista della garanzia delle pari opportunità per i cittadini al di là delle loro idee, credenze religiose, razza, sesso, origine geografica o classe sociale. "Quelli che mangiano le merendine e non sono attenti alla linea". Poi la politica internazionale, con la volontà di rilanciare il ruolo dell'America nello scacchiere internazionale: "Con il mondo cercheremo alleanze, non conflitti; ci comporteremo in maniera giusta con tutti i popoli e le altre nazioni". E non si dovrebbe mai, mai, rimpiangere di lottare per questo. Che ci piaccia o no. E' probabile che l'Unione in particolare, dopo Brexit, verrà lasciata un po' più al suo destino, senza ombrelli a stelle e strisce. Il responsabile delle pagine culturali del giornale vede un'analogia tra la situazione attuale e l'Europa degli anni trenta: "Le elezioni americane rischiano di scatenare l'odio contro le minoranze simile a quello che hanno subìto gli ebrei austriaci dopo l'anschluss del 1938, o lo stesso tipo di clima apertamente xenofobo che c'è stato nel Regno Unito dopo il voto sulla Brexit".

Altre Notizie