Lunedi, 22 Luglio, 2019

Trenord, sicurezza sui treni lombardi: firmata la convenzione con la Polizia

Trenord, sicurezza sui treni lombardi: firmata la convenzione con la Polizia Trenord, sicurezza sui treni lombardi: firmata la convenzione con la Polizia
Evangelisti Maggiorino | 08 Novembre, 2016, 23:48

La firma è stata simbolicamente apposta sulla carrozza denominata "Safe and quiet on board" ("Sicurezza e tranquillità a bordo", ndr), una nuova vettura sperimentale posta al centro di un convoglio della società che gestisce il servizio ferroviario lombardo della tratta Milano-Como, dotata di telecamere e di tre pulsanti di emergenza. L'iniziativa rientra nella convenzione firmata da Trenord con la Polizia di Stato, presentata questa mattina alla stazione di Cadorna proprio a bordo della nuova carrozza.

"Accrescere la sicurezza e la tranquillità dei passeggeri e di chi lavora a bordo dei convogli". Presenti l'ad di Trenord Cinzia Farisé, il prefetto Roberto Sgalla e l'assessore regionale all'inclusione sociale Francesca Brianza.

Cari amici, per me è una sconfitta del nostro stato di diritto che non riuscendo più a garantire la sicurezza di tutti così come dovrebbe essere, finisce per selezionare la fascia più a rischio, identificata nelle donne, accordando solo a questa fascia un livello di sicurezza adeguato. Nel corso del 2016 i controlli a bordo treno sono stati pari a 16.549, con un aumento del 10 per cento circa rispetto al 2015. Questo piano ha previsto, in particolare, l'attivazione di un "Focal Point Security" che ha permesso, grazie alla partecipazione attiva di tutto il personale di bordo, di individuare i treni ed i luoghi in cui si registrano minacce, violenze verbali, atti vandalici, intemperanze, aggressioni al personale ferroviario ed evasione tariffaria. Nei primi dieci mesi del 2016, il Focal Point di Trenord, monitorato dalla Funzione Security, ha ricevuto 2.069 segnalazioni registrando un incremento del 51% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Viaggiatori più sereni e monitorati è, a quanto si apprende, l'obbitettivo della convenzione che prevede la costituzione di un comitato territoriale mensile per la condivisione di informazioni Polfer e Trenord, l'analisi dei dati e l'elaborazione congiunta di mirate strategie di contrasto ai fenomeni criminosi in ambito ferroviario. Si tratta di un vagone facilmente riconoscibile, allestito al centro dei treni Coradia Meridian. Un invito a continuare a spostarci, andare, senza paura e senza lasciarci frenare da situazioni spiacevoli.

Altre Notizie