Lunedi, 24 Giugno, 2019

Il Ministero della Difesa adotta Windows 10

Microsoft- Windows 10- Ministero della Difesa- Windows Lover Il Ministero della Difesa adotta Windows 10
Acerboni Ferdinando | 08 Novembre, 2016, 10:37

In uno scenario di Spending Review in cui recuperare efficienza è sempre più un imperativo per gli enti pubblici, il Ministero intende ottimizzare i processi grazie all'adozione del nuovo sistema operativo di Microsoft, che consentirà al personale preposto all'amministrazione civile e militare della difesa e delle forze armate italiane di beneficiare di un'esperienza più intuitiva e di interagire in modo più efficace su qualsiasi device.

All'interno del Ministero della Difesa abbiamo storicamente puntato sull'innovazione tecnologica, sulla sicurezza delle infrastrutture informatiche e sulla formazione del personale, in linea con la nostra necessità di avere un altissimo livello di protezione, non solo dei nostri sistemi ma anche delle informazioni che gestiamo.

Premesso che il semplice possesso di Windows 10 non è ovviamente condizione necessaria e nemmeno sufficiente a difendere un pc di fronte alla possibilità di attacchi informatici (tutt'altro) l'opera di svecchiamento partorita dal Ministero si tradurrà comunque nell'aggiornamento di tutti i computer dei dipendenti, frutto di un accordo tra il dicastero e la stessa Microsoft, la quale si è logicamente offerta di produrre particolari firewall e sistemi di sicurezza volti a difendere la privacy, riuscendo così a convincere un'istituzione che stava prendendo al vaglio anche ipotesi alternative.

In un momento storico particolarmente delicato come quello attuale, in cui la caratteristica ibrida della minaccia richiede la massima attenzione, implementare tecnologie che sono indirizzate a rendere più sicuro l'ambiente di lavoro è, per noi, un target primario.

La scelta della casa di Redmond da parte del Ministero arriva circa un anno dopo l'annuncio dell'abbandono di Microsoft Office in favore di LibreOffice, mossa che secondo le stime permetterà di risparmiare fra i 26 e i 29 milioni di Euro dalle casse dello stato.

Insomma, come tutte e due gli organismi interessati da questa partnership, le finalità di impresa assurgono ad unica ed assoluta discriminante per la determinazione di accordi (o mancati accordi) che alla fine devono giovare ad un unico e solo protagonista: il bilancio. Sono i dati che i ricercatori di Netmarketshare hanno recentemente diffuso a mostrare l'arresto nella crescita dell'ultima piattaforma di Microsoft, windows 10, la cui quota di mercato registrata a settembre 2016 è pari al 22,53%.

Altre Notizie