Venerdì, 14 Agosto, 2020

Marche, gli sfollati salgono a 26.700

Evangelisti Maggiorino | 07 Novembre, 2016, 21:54

Proseguono anche i sopralluoghi ed aumenta la conta dei danni.

Oggi, domenica, molte messe si celebrano all'aperto, sotto dei tendoni come a Fabriano, o nelle poche chiese nuove e agibili: chiusi i principali edifici di culto a Camerino, San Severino Marche, Tolentino, e anche ad Ascoli Piceno. I cittadini al momento senza casa assistiti sono oltre 24 mila.

Altre 4.959 hanno scelto l'autonoma sistemazione, 6.821 gli alberghi.

Ben 235 le zone rosse delimitate a rischio crolli.

Salgono a 37 le scuole inagibili: 22 nella provincia di Macerata, 5 in quella di Fermo, 10 in quella di Ascoli. Per ora ne sono state dichiarate inagibili 62 (34 nella provincia di Macerata, 3 in quella di Fermo, 19 nella provincia di Ascoli e 6 in quella di Ancona), ma il quadro non è ancora completo.

A 541 il numero delle attività produttive inagibili, di cui 506 nel Maceratese, 5 nel Fermano, 26 nel Piceno e 4 nell'anconetano. Ad oggi nelle Marche sono 123 i Comuni coinvolti dal sisma: 54 nel Maceratese, 27 nel Fermano, 28 nella provincia di Ascoli Piceno e 14 nell'Anconetano. In tutti, cittadini, sindaci e volontari, abita una comprensibile tensione, ma alberga un'altrettanta fiducia di poter ritrovare presto la normalità, e far rivivere quel tessuto sociale, culturale e produttivo che rende la terra marchigiana un fiore all'occhiello del Belpaese.

Altre Notizie