Venerdì, 14 Agosto, 2020

Ictus, un uovo al giorno abbassa il rischio

Ictus, un uovo al giorno abbassa il rischio Ictus, un uovo al giorno abbassa il rischio
Machelli Zaccheo | 07 Novembre, 2016, 21:48

La ricerca è stata condotta dall'équipe coordinata dal dottor Dominik Alexander dell'EpidStat Institute di Ann Arbor, in Michigan. I ricercatori statunitensi hanno valutato la relazione tra il consumo di uova ed le malattie coronariche su un campione di 276000 persone mentre la relazione tra assunzione di uova ed ictus il campione osservato è stato di 308.000 soggetti.

"Questa revisione sistematica e la meta-analisi sottolineano le ricerche precedenti, mostrano la mancanza di una relazione tra le uova e le malattie cardiache e ora suggerisce un possibile effetto benefico di mangiare uova sul rischio di ictus", Tia M. Rains, PhD, Interim Executive Director of the Egg Nutrition Center, il braccio di ricerca scientifica della American Egg Board.

Mangiare un uovo al giorno può ridurre l'incidenza dell'ictus fino al 12% e non sarebbe correlato a problemi del cuore.

La ricerca supporta le raccomandazioni contenute nelle linee guida sulla nutrizione per gli americani redatte dalle autorità sanitarie nel 2015.

Un uovo al giorno? In generale le uova sono quindi considerate un alimento ricco di vitamine, minerali e altre sostanze che, in generale, hanno effetti benefici sulla salute dell'uomo, ovviamente se consumate con moderazione. Tuttavia, Dominik evidenzia che "le uova hanno molti attributi nutrizionali positivi, tra cui antiossidanti, che hanno dimostrato di ridurre lo stress ossidativo e l'infiammazione". Un uovo di grandi dimensioni ha ad esempio 6 grammi di proteine di alta qualità, antiossidanti come la luteina e la zeaxantina nel tuorlo. Inoltre apporta vitamine E, D e A. Secondo un nuovo studio, le uova, spesso sotto accusa per contribuire ad aumentare i livelli di colesterolo nel sangue, aiuterebbero a prevenire l'ictus. Le attività di AEB e tutti i programmi sono finanziati dai produttori di uova americani, previa approvazione USDA (United States Department of Agriculture).

Altre Notizie