Mercoledì, 26 Giugno, 2019

Superluna speciale il prossimo 14 novembre

Tra meno di dieci giorni potremo assistere alla luna piena più luminosa degli ultimi settanta anni Tra meno di dieci giorni potremo assistere alla luna piena più luminosa degli ultimi settanta anni
Acerboni Ferdinando | 06 Novembre, 2016, 22:37

Se le condizioni meteo ce lo consentiranno, potremo così vedere per tutto l'arco della notte un disco lunare più grande del 14 per cento e più luminoso del 30 per cento rispetto a quando il nostro satellite si trova alla massima distanza dalla Terra (oltre 406 mila chilometri), ovvero all'apogeo.

Sarà la Luna l'incontrastata protagonista del cielo serale di novembre. A spoilerare lo spettacolo che ci attende questo mese sono ancora una volta gli esperti dell'Unione astrofili italiani (Uai). Proprio perché la Luna sarà piena e nel punto più vicino al nostro pianeta si tratterà della super Luna più super degli ultimi 70 anni. Si tratta di un evento che accade circa una volta all'anno e non è nefasto, come molti credono. Per chi invece non è interessato alla fotografia astronomica in sé ma all'effetto della superluna sul paesaggio (urbano o naturale) allora meglio appostarsi in un luogo dove il sorgere della Luna possa fare da sfondo a monumenti o alberi in modo da creare l'illusione ottica di una Luna davvero gigantesca.

Lo show sarà arricchito dalla congiunzione con le Pleiadi, uno dei cinque appuntamenti celesti che terranno impegnato il nostro satellite nel corso del mese. Insomma uno spettacolo, ma solo per gli osservatori più attenti. La luminosità della super Luna del 14 novembre 2016 potrebbe essere schermata dalle nuvole o dalle luci della città ma per gli appassionati di fotografia sarà un'occasione ghiottissima. "La differenza in orario tra l'istante del perigeo e quello della Luna piena è meno di due ore, pertanto la "super-Luna" di questo mese è la migliore dal 1948, e per vederne un'altra di queste proporzioni occorrerà aspettare il 2034". A darci la buonasera ci saranno poi anche Mercurio, Marte e Nettuno, mentre sarà Giove a dare il buongiorno alla fine dello spettacolo, ben visibile a sud-est nelle ore che precedono l'alba. E come dimenticare le Tauridi, le meteore originate da residui della disintegrazione della cometa Encke che si esibiranno soprattutto tra il 7 e l'8 novembre.

Altre Notizie