Mercoledì, 26 Giugno, 2019

Zuckerberg indagato in Germania: contenuti non rimossi

CdG martello-tribunale I legali italiani del social network americano
Acerboni Ferdinando | 06 Novembre, 2016, 13:08

Facebook nei guai in Europa.

Quello attuale dal punto di vista giudiziario sembra essere un momento difficile per il colosso americano Facebook, società dell'omonimo social network, e per il fondatore Mark Zuckerberg.

Il motivo? La mancata rimozione di alcuni contenuti inappropriati. Al riguardo Facebook, in accordo con quanto riportato da LaStampa.it, a Berlino ha un team di 200 persone che si occupa proprio di filtrare tutti quei messaggi e quei contenuti che incitino all'odio razziale, ma è probabile che molto spesso quanche contenuto sfugga ai filtri con conseguenti ripercussioni negative sulla sensibilità dell'opinione pubblica. "Non commentiamo lo stato di una possibile inchiesta - ha replicato un portavoce del social network - ma possiamo dire che le accuse sono prive di valore e che non vi è stata alcuna violazione della legge tedesca da parte di Facebook o dei suoi dipendenti, non c'è posto per l'odio su Facebook, lavoriamo a stretto contatto con i nostri partner per combattere l'hate speech e promuovere il counter speech".

Il Tribunale, invece, ribadisce la necessità di procedere ad una immediata cancellazione dei contenuti e ad una tenuta comportamentale che si adegui ai diritti terzi del cittadino digitale in merito alla sua privacy ed alla protezione dei dati.

In realtà non è il primo caso in cui la Rete di Zuckerberg è al centro di polemiche. Una celeberrima foto scattata durante la guerra del Vietnam scambiata per contenuto pornografico e censurata più volte in poche ore anche dopo il diluvio di proteste scatenate da Aftenpostes il principale quotidiano scandinavo che, dopo averla pubblicata, si è visto bannare l'account.

Ad iniziare il processo è stato un avvocato di Wuerzburg, Chan-jo Jun, indicando i casi in cui Facebook non sarebbe intervenuto nel rimuovere contenuti a rischio.

In Italia, intanto, Facebook Inc. si trova a fronteggiare una situazione piuttosto annosa, dovuta ad un clamoroso episodio che ha portato, in ultimo, al suicidio di una donna napoletana.

Altre Notizie