Mercoledì, 20 Gennaio, 2021

Paestum: al via la XIX edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico

Paestum: al via la XIX edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico Paestum: al via la XIX edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico
Esposti Saturniano | 06 Novembre, 2016, 10:45

Il sottosegretario ha poi accolto con grande favore l'iniziativa del direttore del Museo e Parco Archeologico di Paestum, Gabriel Zuchtriegel, che ha risposto tempestivamente alla richiesta di programmazione della riforma Franceschini.

Sono intervenuti Dorina Bianchi Sottosegretario di Stato ai Beni e alle Attività Culturali e al Turismo, Gianni Torrenti Coordinatore Commissione Beni e Attività culturali della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e Assessore alla cultura, sport e solidarietà Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Corrado Matera Assessore allo Sviluppo e alla Promozione del Turismo della Regione Campania, Carlo Corazza Capo Unità del Turismo Direzione Generale Mercato Interno, Industria, Imprenditoria e PMI della Commissione Europea, Tiziano Mellarini Assessore alla Cultura, Cooperazione, Sport e Protezione Civile della Provincia Autonoma di Trento, Antonella Parigi Assessore alla Cultura e al Turismo della Regione Piemonte, Sebastiano Maffettone Consigliere per le Organizzazioni Culturali del Presidente della Giunta Regionale della Campania.

Paestum: al via la XIX edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico

"L'evento odierno e la prospettiva di una Carta comune - ha concluso Torrenti - segnano un salto di qualità nella consapevolezza, di chi governa e di chi intraprende, della necessità di forti collaborazioni territoriali scevre da gelosie come strumento per valorizzare in maniera coordinata le aree del nostro Paese, la gran parte delle quali è ricca di tesori culturali e artistici incommensurabili". "In questo anche il turismo archeologico gioca un ruolo importante". Ciò dimostra che la strategia che stiamo attuando è vincente. Si ripete, così, l'esperienza già fatta negli anni passati con la partecipazione a un evento esclusivo nel suo genere, sede dell'unico salone espositivo al mondo del patrimonio archeologico con l'innovativa mostra internazionale di tecnologie multimediali, interattive e virtuali. L'edizione di quest'anno intende ricordare la tragedia che insanguina il vicino Oriente.

Seguitissimi sui social i momenti salienti, in particolare l'omaggio #Unite4Heritage for Palmyra che ha riunito virtualmente i figli dell'archeologo Khaled al-Asaad, come ha riferito la figlia presente a Paestum Fayrouz, felice che i fratelli rifugiati in Francia abbiano potuto vederla, anche se solo online, e come testimoniano i loro 'mi piace' ai post sugli incontri di approfondimento dedicati a Palmira. Eventi come la Borsa - ha aggiunto ancora il direttore - creano crescita culturale ed economica e sono fondamentali al giorno d'oggi. Abbiamo una estrema ricchezza del patrimonio che per noi deve essere non solo una ricchezza ma anche una sfida. "Riteniamo che Paestum sia un sito di passaggio importante per la valorizzazione del sistema turistico del Paese - ha affermato Battisti - e non c'è sviluppo del turismo, se non c'è accessibilità".

Altre Notizie