Martedì, 18 Giugno, 2019

Audi dice addio al WEC, il futuro è in Formula E

Acerboni Ferdinando | 06 Novembre, 2016, 06:16

Dopo quasi due decenni di trionfi con i prototipi a ruote coperte, Audi annuncia il ritiro dalle gare del campionato Endurance, compresa la celebre 24 Ore di Le Mans vinta 13 volte in 18 anni, per concentrare gli investimenti in Formula E. Il cambio di strategia è uno degli effetti del dieselgate che ha costretto la controllante Volkswagen a un drastico taglio dei costi per investire in un futuro elettrico e a guida autonoma.

L'orientamento è di dirottare tutte le risorse sulla Formula E: la Casa di Ingolstadt rafforza la partnership con il Team ABT Audi Sport Schaeffler nella stagione in corso 2016/2017, in attesa di un impegno diretto. Dal 2018 infatti è previsto il lancio sul mercato della prima Audi elettrica di serie.

"Le nostre auto di serie stanno diventando sempre più elettriche - ha spiegato Rupert Stadler, il presidente del consiglio di amministrazione - e quelle delle competizioni, che sono la punta tecnologica di Audi, devono esserlo ancor di più". "Questa è una fase di grande mutamento nella storia della società". L'impegno nel DTM, invece, resterà invariato. La presenza di Audi nel campionato tedesco DTM (dove ha recentemente conquistato il titolo costruttori e scuderie con la RS5 DTM) per ora non subirà modifiche.

Fine di un'epoca. Lasciare il Mondiale Endurance dopo 18 anni segna inevitabilmente la fine di un'epoca. Tra queste, i primi successi di un motore TFSI nel 2001, il primo successo del motore TDI nel 2006 e il primo trionfo di un propulsore ibrido nel 2012. Su 185 gare affrontate, i prototipi Audi hanno ottenuto un totale di 106 vittorie, 80 pole position e 94 giri più veloci in gara. L'Audi Sport Team Joest è dato forma al WEC in questo periodo come nessun'altra squadra. "L'impegno nella categoria ha dimostrato che Audi è realmente all'avanguardia della tecnica".

Clamorosa decisione presa dall'Audi: dal 2017 non parteciperà più alle gare del campionato Endurance (WEC). Vorrei ringraziare la nostra squadra, da Reinhold Joest e il suo team, fino ai piloti, i partner e gli sponsor per questa collaborazione di successo. L'esito si è scritto negli ultimi minuti della corsa.

Altre Notizie