Sabato, 21 Settembre, 2019

Parroco Gorino: migranti prendeteli a casa vostra, Papa pensi a sé

Il blocco della strada a Gorino Il blocco della strada a Gorino
Machelli Zaccheo | 28 Ottobre, 2016, 19:40

Che mette in chiaro che primo: il testo del cartello non è stato concordato con la Curia. Sul cartello, inoltre, sopra la scritta contro i musulmani campeggia un simbolo arabo, la 'N', e sotto una didascalia spiega: "Questa rappresenta la 'N' araba e significa 'Nazzareno', termine con cui il Corano indica i seguaci di Gesù di Nazareth". Sono stato avvisato ieri sera della presenza di questo cartello. Il parroco della chiesa è Don Paolo Paccagnella, da oltre 25 anni alla guida della parrocchia: raggiunto telefonicamente più volte per chiedere la ragione della presenza del cartello, non ha voluto parlare. Un cartello che identifica solo una parte del pensiero del parroco gorinante, il quale sul tema caldo dell'accoglienza ha esordito con un lapidario: "I migranti?" "Ma accoglili a casa tua", ribatte il parroco di Gorino.

Il ministro dell'Interno Angelino Alfano ha assicurato che il comportamento tenuto dalle istituzioni, che di fatto hanno ceduto alla protesta a Gorino, non costituirà un precedente: non ci sono, secondo il ministro, timori su possibili atti emulativi, con barricate anti-migranti in altre città.

La breve nota stampa inviata da don Massimo Manservigi, vicario del vescovo, non entra infatti nel merito della questione. La decisione del parroco di Gorino va in netta opposizione con quella del Papa, che aveva invitato ad accettarli, a non averne paura, a non aver paura del forestiero, ma il parroco di Gorino si è indirizzato al Papa chiedendogli che fosse lui a ospitarli e non il popolo, i cittadini.

Cosa si siano detti i due don al telefono rimane un mistero. "La sua presenza - conclude la Diocesi - esprime solidarietà ai cristiani perseguitati dell'Iraq e disapprovazione per chi li perseguita".

Altre Notizie