Martedì, 16 Luglio, 2019

I cinque consigli di Facebook per combattere il bullismo

I cinque consigli di Facebook per combattere il bullismo I cinque consigli di Facebook per combattere il bullismo
Deangelis Cassiopea | 28 Ottobre, 2016, 10:52

Facebook ha inoltre diffuso 5 suggerimenti per la sicurezza rivolti agli utenti meno esperti affinché sia chiaro come tutelarsi online e proteggere il proprio profilo sul social network.

"È una risorsa per ragazzi, genitori e insegnanti alla ricerca di un punto di riferimento per la prevenzione e gestione del bullismo".

Il celeberrimo e spesso fantomatico centro per la sicurezza presente su Facebook si arricchirà infatti dai prossimi gironi di una nuova sezione dedicata proprio al bullismo, all'interno della quale gli utenti potranno chiedere aiuto di fronte alle molestie subite, trovando una corsia privilegiata e uno spazio ben più specifico di quello denotato dalla laconica dicitura "ritengo che questo contenuto non dovrebbe essere su Facebook".

Facebook sta lavorando ad un progetto per contrastare il triste fenomeno del bullismo sui social network. Un aspetto interessante della pagina - lanciata in questa forma due anni fa - è che si possono avviare dei controlli sul grado di protezione del proprio account, sia per quanto riguarda la privacy che la sicurezza. "È stata creata insieme allo Yale Center for Emotional Intelligence nel 2013 e oggi siamo lieti di collaborare con quasi 50 partner in tutto il mondo per renderla disponibile su scala più ampia", spiegano Antigone Davis, Capo della sicurezza globale, e Laura Bononcini, responsabile della public policy di Facebook in Italia.

- imparare a controllare le nuove richieste di amicizia per non stringere legami con persone indesiderate. Puoi anche modificare il pubblico di un post dopo averlo condiviso.

Si può scegliere tra diversi strumenti per proteggere le informazioni su Facebook.

Attivando questa opzione, il tag che qualcuno aggiunge al tuo post non sarà visibile finché non lo approvi.

Non tutti lo sanno, ma Facebook ha anche una sezione speciale per le vittime di hacking, cioè di sottrazione di identità o di dati (il termine non è appropriato, ma ormai è di uso comune). E c'è anche la possibilità di rendere invisibili i contenuti taggati sul diario. Il Controllo della privacy è di base una breve procedura che consente di assicurarsi che solo le persone desiderate vedano i propri contenuti.

Quando aggiorni il tuo stato, condividi foto o pubblichi qualcosa su Facebook, puoi selezionare chi vedrà i contenuti condivisi mediante lo strumento di selezione del pubblico.

Altre Notizie