Martedì, 18 Giugno, 2019

Greggio in calo, mercato dubbioso su accordo Opec per taglio produzione

Esposti Saturniano | 28 Ottobre, 2016, 08:35

Ma sul piatto a Mosca c'è molto più che i prezzi del greggio e l'ipotesi di un congelamento dell'output in accordo con l'Opec.

Il prezzo del petrolio si mantiene debole sui mercati asiatici.

Dopo la deludente sessione di mercoledì il greggio termina gli scambi di ieri in recupero, con i compratori che tornano a fare capolino guidati dalle ultime news in arrivo a mercato che parlano di un taglio alla produzione dei paesi OPEC a seguito dei trattati di Algeri (prezzi visibili nel grafico a seguire). Tuttavia, sui limiti specifici per ciascuno dei Paesi dell'Organizzazione non c'è accordo. Attualmente il prezzo del petrolio Wti è infatti in ribasso dell'1,12% e scambia a quota 49,4 dollari a barile.

Anche la Banca Mondiale si sta interessando parecchio alla questione, tanto è vero che l'istituto ha già rivisto al rialzo le stime sulla quotazione di greggio per il prossimo 2017: secondo la World Bank, in sostanza, il prezzo del petrolio dovrebbe riuscire a raggiungere una media di 55 dollari al barile già nel prossimo anno (vale a dire 2 dollari in più rispetto a quanto era stato previsto precedentemente).

Anche qui, però, c'è una sorta di "stato d'attesa": Mohammed Barkindo, segretario generale OPEC, si recherà a Baghdad proprio per provare a risolvere la controversia nata con l'Iraq.

I membri dell'OPEC si incontreranno il 30 novembre prossimo a Vienna per discutere le quote individuali, ossia i tagli che ciascun paese dovrà affrontare al fine di limitare la produzione del gruppo a 33 milioni di barili al giorno.

Gli USA si trovano al terzo posto al mondo per la produzione di petrolio dopo l'Arabia Saudita e la Russia. Siamo ormai di fronte a continui rimbalzi del prezzo. Si complica di fatto la possibilità che la dichiarazione d'intenti di Algeri si tramuti in un accordo effettivo nella prossima riunione del 30 novembre in programma a Vienna. Alle stelle, secondo alcuni, e nel baratro, secondo altri.

Altre Notizie