Lunedi, 24 Giugno, 2019

Aumentano i bimbi "extralarge": "È colpa delle mamme che lavorano"

Obesità infantile è davvero colpa dei genitori che lavorano Aumentano i bimbi "extralarge": "È colpa delle mamme che lavorano"
Machelli Zaccheo | 27 Ottobre, 2016, 23:07

Insomma, se oltre al papà anche la mamma lavora è più facile che il bimbo accumuli peso. Questo non significa solo mancanza di tempo in senso stretto, ovvero non solo dal punto di vista della solitudine a cui i più piccoli si devono abituare - e che fa loro tendere verso una ricerca di giochi ed attrazioni in solitudine ma anche molto dannosi, come lunghe sessioni di gioco davanti al pc - ma anche dal punto di vista del tempo che hanno da dedicare alla cucina ed al cibo. I bambini le cui mamme lavorano hanno maggiori possibilità di ingrassare in base a una ricerca fatta a Copenaghen, in Danimarca. E il legame, spiega la ricercatrice, è risultato più forte nel caso dei bambini tra 5 e 10 anni, più grandicelli e indipendenti nella scelta di cosa mangiare. Inoltre, riferisce il 'Mirror', se le mamme sono assenti i figli tendono a scegliere attività più sedentarie, e a dormire meno rispetto ai coetanei con madri casalinghe. Dr Gwozdz ha detto: "Questa alta prevalenza è preoccupante a causa degli effetti nocivi dell'obesità sulla salute emotiva e fisica dei bambini e l'alta probabilità che l'obesità infantile si trasmetta in età adulta".

Non bisogna dimenticare poi, anche i fattori ereditari che influiscono sull'obesità infantile. La Dr. Gwozdz crede che per ridurre quella che definisce "l'epidemia dell'obesità infantile" occorre coinvolgere anche i genitori.

In definitiva, quello che appare chiaro è che i genitori dovrebbero porre maggiore attenzione alla cura dei propri figli cercando di stimolarli a fare movimento, ad andare a letto presto e dedicare una parte importante dell'educazione alla corretta alimentazione.

Il fatto che entrambi i genitori lavorino è collegato all'aumento di bimbi extralarge, secondo uno studio dell'economista Wencke Gwodzd della Copenhagen Business School.

Accetta la privacy policy e la cookie policy per visualizzare il contenuto.

Altre Notizie