Domenica, 17 Novembre, 2019

American Pastoral, il trailer italiano

American Pastoral, il trailer italiano American Pastoral, il trailer italiano
Deangelis Cassiopea | 27 Ottobre, 2016, 22:53

La trasposizione di McGregor è fedele e precisa sebbene necessariamente 'semplice'data la profondità della narrazione di Roth.

Massimo Popolizio legge 'Pastorale americana' di Philip Roth nell'audiolibro di Emons che esce il 27 ottobre, mentre è in sala il film 'American Pastoral' di e con Ewan McGregor.

Una vera leggenda, un eroe della comunità bello e gentile a cui la vita aveva regalato tutto: la gloria sportiva ai tempi del college, una moglie bellissima ex Miss New Jersey (Jennifer Connelly), una casa splendida immersa nel verde, una carriera lavorativa di successo, grazie al padre e alla sua solida fabbrica di guanti, e una figlia amabile e sensibile, Merry (Dakota Fanning). Per quanto i costumi, una ricostruzione scenografica attenta ad immortalare l'ambiente fisico degli anni '60 americani, un cast di ottimo livello, permettono che l'opera sia godibile, è altrettanto vero che dalle immagini, dai dialoghi, che McGregor mette in scena, l'epica trasuda in una forma ben più lieve rispetto al romanzo. Drammatico, disorientante e certamente interessante per la spiazzante trama, speriamo che American Pastoral si solo il principio di un percorso che porti a Ewan McGregor oneri più grandi, confidando che le fantastiche esperienze con registi di altissimo calibro sappiano indirizzarlo, pur permettendogli con il tempo di trovare la propria personale identità. Merry (Dakota Fanning, molto brava), ormai adolescente, si schiera fortemente contro la Guerra nel Vietnam arrivando a compiere un atto terroristico in cui rimane uccisa una persona. "Chi è pronto ad affrontare la tragedia e l'incomprensibilità del dolore?" Sta nelle intenzioni della sceneggiatura (abbastanza abile pur se con eccessi di romanzesco più credibili sulla pagina che al cinema), ma non diventa quasi mai immagine vibrante nelle sue contraddizioni. Ammirato da tutti come uomo d'affari, come boss caritatevole e soprattutto come devoto uomo di famiglia. E quando una bomba esplode in una pompa di benzina, le colpe ricadono proprio su di lei...

Se il romanzo di Roth spaziava dalla positività del dopoguerra e la conformità dei tardi anni '40 agli esplosivi subbugli e gli effetti dirompenti degli anni '70, l'American Pastoral di McGregor si focalizza in particolar modo sulla ricerca dello Svedese della figlia, ma soprattutto su temi come l'incertezza, i cambiamenti del destino, la famiglia e la perdita.

Poi ritornano in mente le pagine del romanzo da cui tutto prende corpo e si resta basiti di fronte a un film che rispetta la pagina (e che per questo pare sia piaciuto a Roth che ha mandato un telegramma alla produzione come si fa per i matrimoni cui non si partecipa o per i funerali), fatalmente tradendola. Non possiamo che augurargli maggiore fortuna e lungimiranza nel suo prossimo impegno registico, semmai ci sarà...

Elementi questi che fanno la debolezza di un film calligrafico come se ne facevano una volta e che certo piacerà a una certa fascia di pubblico che corre al cinema per sentirsi raccontare cose e non per perdersi nel mistero della visione.

Altre Notizie