Giovedi, 18 Luglio, 2019

Premio Sakharov 2016 a Nadia Murad e Lamiya Aji Busha

Premio Sakharov 2016 a Nadia Murad e Lamiya Aji Busha Premio Sakharov 2016 a Nadia Murad e Lamiya Aji Busha
Evangelisti Maggiorino | 27 Ottobre, 2016, 16:56

Il premio Sakharov 2016, assegnato ogni anno dal Parlamento Europeo, va a due attiviste yazide, simbolo della resistenza alle brutalità dell'Isis, Nadia Murad e Lamiya Aji Bashar. Le due irachene hanno avuto la meglio sul giornalista turco Can Dundar e sul leader tataro Moustafa Djemilev.

Le due paladine delle vittime sessuali dell'Isis si sono imposte su altri due candidati finalisti al premio, il giornalista turco Çan Dundar, finito in prigione per uno scoop e oggi in esilio in Germania, e il leader del movimento dei tartari di Crimea, Mustafa Dzemilev, dissidente sovietico e parlamentare ucraino, noto per le sue battaglie non-violente. Dopo un lungo calvario, le due giovani yazide Nadia Murad Basee e Lamiya Aji Ashar hanno iniziato a dedicarsi alla difesa dei diritti umani e sono diventate icone della loro comunità, minacciata di genocidio.

"Non dobbiamo mai aver paura, la paura è la cattiva risposta agli attacchi" ha detto ancora Schulz, osservando che "mai dobbiamo permettere una strategia di intimidazione". Schulz ha sottolineato anche che la scelta è "molto simbolica" come "appoggio ai sopravvissuti dalla guerra, ai rifugiati". L'onorificenza, continua in una nota, "fa inoltre luce sulla situazione della minoranze religiose nella regione".

Altre Notizie