Lunedi, 24 Giugno, 2019

Banca Popolare Vicenza: previsti almeno 1300 licenziamenti

0 Commenti Cronaca 23 ottobre 2016       Vvox              		
      
       	Pontassieve soci BpVi e Vb polizia atteggiamento autoritario 0 Commenti Cronaca 23 ottobre 2016 Vvox Pontassieve soci BpVi e Vb polizia atteggiamento autoritario
Esposti Saturniano | 26 Ottobre, 2016, 23:34

"Se non e' in grado di affrontare il deserto (lei l'ha definito cosi' il periodo che stiamo attraversando) - spiega una nota del sindacato della Bpvi - lasci il timone della banca ad un vero banchiere che conosce il nostro mondo".

La fusione tra Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca è l'unica soluzione che si vede all'orizzonte.

Oggi il cda della banca è chiamato a pronunciarsi su tre temi: azione di responsabilità nei confronti dei vecchi vertici, tavolo di conciliazione e piano industriale.

"E' un numero importante: 1.300-1.500", ha risposto il presidente di Pop Vicenza ai giornalisti, sottolineando che sono esuberi strutturali e il fondo del governo non è sufficiente a coprirli tutti. "Noi forse abbiamo commesso l'errore di non dirlo subito, ma non siamo in condizione di aspettare".

La manifestazione, seguita a distanza da poliziotti e carabinieri, che non sono dovuti intervenire, è stata preceduta da un'assemblea che si è svolta in sala Pavesi, attigua alla direzione generale della Popolare di Vicenza, per concordare le varie forme di protesta. (Quanti) lo dirà il piano: "speriamo di farlo nei prossimi due mesi". "Tutti parlano di fiducia, ma ci vorrà tempo per recuperarla". Altri soci in vista comunque non ci sono perché "secondo me sarebbe tempo perso cercarli ora, prima bisogna risolvere i problemi e in particolare quello dei costi, quello della nuova dimensione della banca, poi vedremo", ha aggiunto Mion. "Nel piano capiremo quali sono i fabbisogni, cosa può fare Atlante e cosa possono fare altri soci", aggiunge Mion.

Altre Notizie