Lunedi, 19 Agosto, 2019

Oltre 156mila smemorati del Fisco, ecco come riparare

Anomalie redditi da fabbricati 2012 Oltre 156mila smemorati del Fisco, ecco come riparare
Esposti Saturniano | 26 Ottobre, 2016, 22:36

Questa volta il target dell'agenzia sono i titolari di redditi da fabbricati per la dichiarazione 2013 relativa all'anno di imposta 2012, in particolare per i proventi da contratti di locazione di immobili, compresi quelli per i quali è stato scelto il regime della cedolare secca.

Nelle lettere inviate ai contribuenti, l'Agenzia delle Entrate illustra le informazioni necessarie per far sì che i contribuenti in difetto possano rimediare agli errori di omissione dei redditi relativi al 2012 attraverso il così detto "ravvedimento operoso". L'operazione rappresenta un altro tassello alla nuova "strategia del dialogo" inaugurata dal fisco per cambiare il rapporto con il contribuente e che sembrerebbe tra l'altro essere parecchio efficace, se - come spiega il numero uno dell'Agenzia delle Entrate Rossella Orlandi - le dichiarazioni dei redditi quest'anno sono state 70 mila in più.

Per il dettaglio degli elementi di anomalia è disponibile il cassetto fiscale (sezione "L'agenzia scrive").

Se il contruente riconosce che l'errore segnalato è veritiero può correggerlo tramite il ravvedimento operoso e presentando una dichiarazione integrativa.

I destinatari sono i contribuenti che non hanno presentato la dichiarazione pur avendo percepito più redditi da lavoro dipendente o da pensione da diversi sostituti (datori di lavoro o enti previdenziali) che non hanno effettuato il conguaglio delle imposte. Questo sia se dal confronto emergerà che il contribuente non ha commesso errori, sia nel caso in cui il cittadino voglia regolarizzare in maniera agevolata la propria posizione con le sanzioni ridotte previste dal nuovo ravvedimento operoso. Per effettuare il pagamento, occorrerà indicare nel modello F24 il codice atto riportato in alto a sinistra sulla lettera. Chi riceve la lettera viene così messo in condizione di verificare se deve presentare o meno il modello Unico Persone Fisiche. In entrambi i casi occorre selezionare l'opzione servizi con operatore comunicazione accertamento.

Le sanzioni ridotte caso per caso - Le Entrate ricordano che se il reddito di locazione è stato assoggettato ad IRPEF, la sanzione ridotta è pari al 15% della maggiore imposta determinata (ossia un sesto della sanzione minima - 90%).

Altre Notizie