Mercoledì, 24 Luglio, 2019

ICityRate 2016: Firenze scende dal podio. Milano la città più Smart

ICityRate 2016: Firenze scende dal podio. Milano la città più Smart ICityRate 2016: Firenze scende dal podio. Milano la città più Smart
Evangelisti Maggiorino | 26 Ottobre, 2016, 21:49

Il capogruppo Marco Bosi commenta: "Parma continua la sua 'rivoluzione normale' e si piazza al settimo posto nella classifica stilata da iCity Lab. Addirittura terza se si guarda a qualità della vita, soprattutto in riferimento al welfare". Milano tiene la testa della classifica e aumenta il distacco sulla seconda (60 punti in più, nel 2015 erano 25), grazie all'eccellenza in Economy, People e Living.

Nella dimensione Economy il capoluogo lombardo si distanzia dalle altre città in maniera decisa: è il luogo con il più alto valore aggiunto pro capite, la maggiore intensità brevettuale, la principale sede di imprese di grandi dimensioni, e ha visto nascere negli ultimi anni il maggior numero di Fablab e maker space. "Gli artigiani digitali scelgono Milano - racconta il rating - e la città sceglie di investire su un modello di innovazione urbana che sposta l'asse della strategia di sviluppo verso forme nuove di economia collaborativa e social innovation".

Bologna si distingue a sua volta nell'ambito della Governance e conferma il secondo posto nella classifica generale, grazie soprattutto all'eccellenza nella Governance fatta di partecipazione, open data, nuovi strumenti di programmazione, stabilità economica e capacità gestionale.

Ottime le prestazioni anche nella dimensione Living, che misura la vivibilità delle città: opportunità di lavoro, cura dell'infanzia, bassa incidenza delle persone a basso reddito sui residenti. Venezia risale 2 posizioni grazie all'ottimo posizionamento nella Mobilità (2/a), di un miglioramento significativo nelle dimensioni del capitale umano, della Governance e della struttura economica.

Al secondo posto Bologna, come lo scorso anno, mentre al terzo posto c'è una new entry, Venezia. Il capoluogo del Veneto ha superato Firenze, che ha perso terreno negli ambiti ambiente e legalità.

L'Emilia-Romagna infine è il modello di riferimento sul tema mobilità: le città emiliane, in particolare Piacenza, Parma, Reggio Emilia e Bologna, eccellono nella smart mobility. Le indicazioni sono abbastanza nette: Sala si trova a gestire l'importante eredità costituita da una città sempre più di caratura internazionale e che si sta completando in tutte le sue dimensioni. Inevitabile il confronto con la capitale, bloccata al 21esimo posto.

Stavolta il trofeo di città più smart è toccato proprio a Milano.

Milano è la città più smart d'Italia.

Le città metropolitane da Roma in giù sembrano vivere isolate, senza riuscire a innescare meccanismi virtuosi di sviluppo delle aree circostanti.

Il Sud è ancora lontano dalla "top ten", ma la distanza si è ridotta. La prima città del Sud nel ranking è Cagliari al 54mo posto.

Altre Notizie