Martedì, 12 Dicembre, 2017

Borse: Mediobanca, Piazza Affari maglia nera per rendimento dal 2005

Borse: Mediobanca, Piazza Affari maglia nera per rendimento dal 2005 Borse: Mediobanca, Piazza Affari maglia nera per rendimento dal 2005
Esposti Saturniano | 26 Ottobre, 2016, 18:26

Intesa al top dal 1984 (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 26 ott - Dal 1938 a oggi soltanto il rendimento di tre titoli quotati a Piazza Affari (senza contare i dividendi) batte l'inflazione: si tratta di Generali (+14% medio annuo), Italcementi (+13,2%) e Caltagirone (+10,8%) a fronte di un tasso di inflazione del 10,1%.

E' quanto emerge dall'ultimo rapporto "Indici e dati" pubblicato oggi dall'area studi di Mediobanca, che per la Borsa italiana non dipingono un quadro esattamente confortante (VEDI TABELLA).

Secondo i dati aggiornati lo scorso 11 ottobre, il listino milanese ha registrato un rendimento medio annuo pari a -6,5% dal dicembre 2005 (-51,7% il rendimento complessivo). Invariata Tokyo (-0,01% e -0,1%). Ad agosto del 2016 troviamo Borsa Italiana in 20esima posizione, principalmente in conseguenza del forte dinamismo delle piazze emergenti (non solo i Brics e Hong Kong, il cui valore di mercato era superiore dal 2003, ma anche Corea e Taiwan), del miglior andamento di alcune borse europee (Svizzera e Spagna che ci avevano sopravanzato tra 2002 e 2003) e del mercato australiano, come anche per il consolidamento di alcuni mercati singolarmente di dimensione più ridotta del nostro (Stoccolma, Helsinki e Copenhagen riuniti nel 2005 nel Nasdaq Omx Nordic). In pratica sono andati in fumo 261 miliardi (da 676 agli attuali 415 miliardi). Il Nyse si conferma prima Borsa mondiale (31,4% del totale), seguita dal Nasdaq (12,7%), Tokyo (8,1%) e Shanghai (6,6%). Il rendimento medio annuo di Mps è stato -26%.

Altre Notizie