Вторник, 12 Декабря, 2017

Corruzione in grandi appalti: 21 arresti, anche in Abruzzo

Corruzione in appalti 21 arresti Corruzione in appalti 21 arresti
Acerboni Ferdinando | 26 Октября, 2016, 18:16

In particolare, la Guardia di Finanza di Genova, si legge in una nota delle fiamme gialle, sta eseguendo 14 ordinanze di custodia cautelare emesse dal G.I.P. del Tribunale di Genova, per i reati di corruzione, concussione e turbativa d'asta, nei confronti di alcuni imprenditori e di dirigenti di un consorzio - General Contractor - che sta realizzando una linea ferroviaria ad alta velocità di importanza strategica per il Paese.

Sono accusati a vario titolo di associazione per delinquere, corruzione e tentata estorsione 21 soggetti provenienti da varie regioni d'Italia che nelle scorse ore sono stati raggiunti da provvedimenti di misura cautelare eseguiti dai carabinieri del Comando Provinciale di Roma, in realizzazione a indagini su presunte irregolarità per ottenere contratti di subappalto nei lavori di una tratta della TAV Milano-Genova, di sei macrolotti dell'A3 Salerno-Reggio Calabria e della People Mover di Pisa. Sempre secondo quanto riferito dall'Ansa, l'uomo di punta di questo sistema criminale sarebbe un imprenditore calabrese, specializzato nel ramo delle costruzioni stradali, il quale si sarebbe avvalso del contributo di altre 9 persone, tra le quali anche alcuni funzionari del consorzio COCIV.

Gli investigatori ipotizzano "condotte corruttive per ottenere contratti di subappalto" nei lavori di una tratta della Tav Milano-Genova, del 6° Macrolotto dell'A3 Salerno-Reggio Calabria e della People Mover di Pisa, l'impianto a fune che mette in collegamento l'aeroporto Galileo Galilei con la stazione centrale della città.

Maxi blitz dei Carabinieri di Roma.

Le indagini. Il fronte genovese dell'indagine, condotto dal Gico del nucleo di polizia tributaria di Genova e coordinate dalla procura genovese, ha ricostruito episodi di corruzione, concussione e di turbativa d'asta su commesse per un valore complessivo di oltre 324 milioni di euro. Appalti su alta velocità e autostrade. E dall'attività investigativa è emerso che ad alcuni dirigenti cui spettava seguire lo svolgimento delle gare indette dal general contractor, per pilotare l'assegnazione dei lotti ad alcune società ed escluderne altre, hanno fatto in modo, in alcuni casi, che offerte 'anomalè divenissero regolari e, in altri, hanno utilizzato dei 'concorrenti di comodò che in realtà non erano minimamente interessati all'aggiudicazione della gara, per indirizzare direttamente l'assegnazione all'unico concorrente interessato. Si sviluppa lungo 53 chilometri, di cui 37 in galleria.

Altre Notizie