Domenica, 21 Ottobre, 2018

Usa 2016, la Clinton: dovremo sanare le divisioni tutti insieme

Madonna 2016 Met Gala Usa 2016, la Clinton: dovremo sanare le divisioni tutti insieme
Evangelisti Maggiorino | 26 Ottobre, 2016, 11:38

Già, perché evidentemente quel materiale è veramente esplosivo (roba da dimissioni immediate) e assolutamente incompatibile con un incarico di presidente degli Stati Uniti.

Qualche riferimento alla Russia non è mancato: "È un Paese nucleare - ha precisato - un Paese dove le armi nucleari funzionano al contrario di altri Stati che ne parlano e basta".

Anzi, per la precisione, rispondento alla domanda se preferisse la Clinton o Trump il presidente iraniano ha detto: "dovrei preferire il male più del peggio o il peggio più del male?"

Nell'elenco figurano Hillary Clinto, Barak Obama, ma anche donne, disabili, messicani, musulmani, alcuni sindaci e rispettabilissimi senatori.Ogni improperio è correlato di relativo link tramite il quale è possibile risalite al tweet originale.

E così, entrambi i candidati preparano le successive mosse.

Il New York Times ha pubblicato due pagine con tutti i nomi delle persone offese via Twitter da Donald Trump durante la campagna elettorale per la Casa Bianca. Berlusconi si vede diverso dal tycoon in tutto e per tutto: a partire dal fatto di aver creato le sue fortune economiche da solo senza averle ereditate come Trump da un padre miliardario, fino allo stile che caratterizza il magnate newyorchese, troppo volgare e misogino per i gusti del Cav, che pure è solleticato dall'idea che milioni di americani sostengano un candidato descritto come il suo sosia. Il repubblicano ha infatti lanciato un programma serale su Facebook live che durerà fino all'election day. "Questo è un movimento storico. Credo con tutto il mio cuore che, dopo queste elezioni, tutti insieme dovremo contribuire a sanare le dolorose divisioni che sono sorte tra di noi", ha concluso la Clinton. I sondaggi, intanto, restano favorevoli a Hillary Clinton. Infine, la grande bufala "se ci tenete a creare posti di lavoro e se volete che la riforma dell'immigrazione sia approvata, allora volete Hillary Clinton presidente".

Altre Notizie