Venerdì, 02 Dicembre, 2016

Mediatrade, assoluzione in Cassazione per Confalonieri e Pier Silvio Berlusconi

Mediatrade assolti in Cassazione Confalonieri e Berlusconi Mediatrade, Cassazione annulla condanne per Piersilvio Berlusconi e Confalonieri
Evangelisti Maggiorino | 20 Ottobre, 2016, 02:58

Fonti della difesa hanno fatto sapere che le condanne sono state annullate perché il fatto non costituisce reato.

A breve sarebbe maturata la prescrizione per il processo Mediatrade. In primo grado i due amministratori Mediaset erano stati assolti da tutte le accuse con una sentenza che era stata emessa al termine di un lungo e approfondito dibattimento durato più di tre anni. La Seconda sezione penale della Suprema Corte ha infatti annullato senza rinvio la sentenza emessa lo scorso marzo dalla Corte d'Appello di Milano che aveva condannato presidente e vicepresidente di Mediaset, a un anno e due mesi. Secondo l'accusa, che ne aveva chiesto ed ottenuto la condanna in secondo grado, sarebbe stato architettato un "sistema di frode di durata ventennale", ovvero una situazione in cui "Pier Silvio Berlusconi non riusciva a sottrarsi e che Fedele Confalonieri ha tollerato per anni". Una frode però che era avvenuta e che i giudici di secondo grado associarono a una responsabilità personale. In primo grado entrambi erano stati entrambi assolti. Ma per la Cassazione quelle condotte, addirittura, non sono reato. La procura ipotizzava che Agrama acquistasse i diritti dalle major americane, li rivendesse a Fininvest e poi a Mediaset a prezzi gonfiati, e infine versasse gran parte del surplus delle vendite gonfiate in conti esteri nella disponibilità di manager Mediaset. Questo verdetto ha anche un risvolto squisitamente economico.

Mediaset ha affidato a una nota il suo commento sull'assoluzione: "La Cassazione ristabilisce la verità a favore di Fedele Confalonieri e Pier Silvio Berlusconi, proviamo soddisfazione per la decisione odierna della Corte di Cassazione".

Altre Notizie