Venerdì, 02 Dicembre, 2016

Asili Nido, Codacons: Ok proposta di legge per telecamere contro abusi

Asili nido: la Camera approva le telecamere anti-abusi Asili, videosorveglianza: ok della Camera al pdl sulla videosorveglianza
Evangelisti Maggiorino | 20 Ottobre, 2016, 02:56

A Montecitorio, i voti a favorevoli sono stati 279, 22 i contrari e 69 gli astenuti. A favore si sono dichiarati tutti i gruppi di maggioranza e di opposizione del centrodestra ad eccezione di Sinistra Italiana che invece ha votato contro. Il testo ora passa al Senato.

Telecamere a circuito chiuso in asili, scuole d'infanzia e strutture per anziani e disabili per contrastare gli abusi sulle persone più indifese, di cui troppo spesso le cronache danno notizia.

Proposta bipartisan - La legge è frutto di un lavoro bipartisan - i relatori sono Gabriella Giammanco di Fi e Antonio Boccuzzi del Pd - e da un impegno corale delle forze politiche visto che unifica ben 13 proposte, presentate in Parlamento nel corso degli ultimi anni. La legge consente l'installazione delle telecamere di sorveglianza salvo prima avvertire in modo chiaro e specifico tutti gli utenti e i lavoratori della struttura. L'articolo 2 attribuisce al Governo la delega ad adottare, entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore della legge, un decreto legislativo per la definizione delle modalità di valutazione attitudinale per l'accesso alle professioni educative (educatori di asilo nido e docenti di scuola dell'infanzia in particolare). Poi, sia le strutture private sia quelle pubbliche, potranno farlo soltanto "previo accordo collettivo con le rappresentanze sindacali unitarie" o, in mancanza di consenso, con l'autorizzazione dell'Ispettorato del lavoro.

La legge prevede l'obbligo di installazione di un sistema di videosorveglianza a circuito chiuso all'interno degli asili nido e delle scuole dell'infanzia, sia pubblici che privati. Non vengono peraltro previste disposizioni volte alla quantificazione dei relativi oneri ed alla relativa copertura finanziaria. Il testo prevede, infine, che il governo emani norme per la formazione specifica del personale degli asili nido, delle scuole dell'infanzia e delle strutture socio-sanitarie per anziani e disabili. Dispone, altresì, che l'angolo di ripresa delle stesse telecamere deve essere limitato ai muri perimetrali dell'edificio, ai punti di accesso e al cortile interno, escludendo le aree esterne circostanti l'edificio.

Altre Notizie