Lunedi, 16 Settembre, 2019

Trapianto di pene: primo uomo ad essersi operato diventa padre

Responsive image Trapianto di pene: primo uomo ad essersi operato diventa padre
Machelli Zaccheo | 19 Ottobre, 2016, 08:47

Nulla di strano quando si sente parlare di un trapianto di rene, fegato, intestino, polmone o addirittura cuore.

Ha subito un trapianto di pene e ora, a meno di un anno da quella operazione, è stato reso noto che diventerà papà. I medici erano riusciti a salvare solo un centimetro dell'organo. Altri 3 pazienti operati nel mondo. Un fattore confermato anche dal chirurgo André Van Der Merwe, presente a Venezia in questi giorni per il Congresso nazionale della Società italiana di Urologia.

Il primo uomo ad aver mai effettuato un trapianto di pene sta per diventare padre. E' il caso di un giovane 21enne al quale era stato amputato il pene 3 anni fa per complicazioni dopo una circoncisione. Al momento, i risultati non avrebbero rivelato particolari complicanze per un intervento che, se dovesse confermare le aspettative, potrebbe risolvere i drammi di tanti uomini.

"La chirurgia ricostruttiva ha fatto un vero e proprio miracolo il tessuto cavernoso umano responsabile dell'erezione è estremamente delicato e complesso".

Riguardo al primo trapiantato, prossimo alla paternità, il segretario Siu fa notare che "il giovane non ha ancora recuperato la sensibilità al 100%, proprio perché i nervi sensoriali sono estremamente sottili e si deteriorano molto velocemente, ma è possibile che nell'arco di un paio di anni riesca a tornare ad avere anche una sensibilità normale".

Se generalmente l'effettivo esito di un intervento chirurgico viene stabilito solo a mesi di distanza dall'operazione, attraverso il vaglio di parametri vitali e funzionalità organiche, la maggiore testimonianza del capolavoro chirurgico realizzato dall'equipe capitanata dal dottor Van Der Merwe giunge dall'inaspettata notizia relativa ad un'imminente paternità del ragazzo trapiantato, il cui nuovo pene ha evidentemente funzionato egregiamente. L'intervento microchirurgico è durato nove ore, ma visto il risultato ci sarebbe già una lista d'attesa di pazienti pronti a farsi operare.

I risultati di un intervento del genere, ha spiegato Mirone, dipendono anche dalle condizioni del paziente e, ovviamente, sono migliori su persone giovani e sane. Comunque siamo a una svolta importante. In Africa, infatti, si contano centinaia di giovani rimasti vittime di traumi genitali per lo stesso motivo. Spesso l'intervento rappresenta una speranza per molti uomini che hanno una qualità di vita drammaticamente bassa e hanno come unica alternativa l'uso di una protesi.

Il primo uomo al mondo ad aver subito un trapianto di pene è riuscito a diventare padre.

Altre Notizie