Sabato, 21 Settembre, 2019

Dario Fo: Petrini, sua ultima regia, mi ha fatto scherzo da prete

Dario Fo: Petrini, sua ultima regia, mi ha fatto scherzo da prete Dario Fo: Petrini, sua ultima regia, mi ha fatto scherzo da prete
Evangelisti Maggiorino | 15 Ottobre, 2016, 20:14

Ma c'è anche - ha aggiunto - tutta una parte autentica che invece lo ha sempre ascoltato e protetto.

Sul palco, dietro al feretro, una foto lo ritrae mentre sorride, mentre su uno sgabello c'è il segno della sua passione per la pittura, una scatola con pennelli e colori. La pioggia non ha fermato le migliaia di persone che hanno voluto essere presenti in piazza del Duomo.

Al termine del funerale la salma sarà tumulata nel Famedio del cimitero monumentale, accanto alla moglie Franca Rame. Sono sicuro che adesso sono insieme e si fanno delle gran risate. Dopo una vita che han fatto di tutto per censurarlo e colpirlo in tutti i modi.

Tra i tanti che hanno voluto rendere omaggio a Dario Fo, il comico e attore teatrale Paolo Rossi. La sua lezione, sua e della moglie Franca Rame, è: non arrendersi mai. Insieme a lui la figlia e nipote di Dario, Jaele. "Ho imparato tanto senza annoiarmi".

Un tributo dell'intera città, l'ultimo saluto in piazza Duomo.

Si è chiusa la camera ardente di Dario Fo al Piccolo Teatro di Milano, dove tanti cittadini hanno potuto recarsi a dare l'ultimo saluto al premio Nobel, morto a 90 anni. "E noi porteremo avanti quello che loro hanno iniziato". "Perdiamo un grande, non si poteva etichettarlo", ha detto Di Battista.

"Dario Fo ha dato molti schiaffi e ha preso molti schiaffi nella sua vita".

"Era una persona speciale, piena d'arte". Fra gli ultimi a entrare alla camera ardente l'attrice Paola Cortellesi che, commossa, ha declinato l'invito dei giornalisti a esprimere un ricordo di Fo. "Il momento più commovente che ho di Dario è quando ha fatto 'La fame dello Zanni', davanti a 7.000 contadini, pescatori, nomadi, di 150 Paesi - ha ricordato -". Quando il feretro ha lasciato il teatro, sorretta da Gad Lerner e dal figlio Jacopo, e' stata salutata da fragorosi applausi e da urla come "grazie Dario".

Fo, ossia il libro su Darwin uscito a settembre scorso. Noi - ha detto ancora - siamo comunisti e atei però mio padre non ha mai smesso di parlare con mia madre e chiederle consiglio. "Tuttavia - ha aggiunto l'ex ministro della Difesa - all'ex camerata Dario Fo va il mio rispetto, non solo perche' ha combattuto per la Repubblica sociale italiana ma perché, comunque, e' stato un premio Nobel". "Scritta da mio padre per mia madre", ha raccontato il figlio dell'artista tra le lacrime. "Il lutto per la letteratura, l'arte e la cultura sono la mancanza stessa di arte, letteratura e cultura".

Altre Notizie